fbpx

Rateazione Imposte: contribuenti decaduti sono riammessi?

lentepubblica.it • 25 Maggio 2016

entrate fiscali, fiscooCome stabilito dalla Legge di stabilità 2016, i contribuenti decaduti dalla rateazione nei 36 mesi antecedenti al 15/10/2015 sono riammessi al pagamento rateale, limitatamente alle somme dovute a titolo di imposte dirette, qualora versino la prima delle rate scadute entro il 31/05/2016.

 

Sul punto, la recente CM 13/2016 ha specificato che:

 

– il beneficio riguarda le sole imposte dirette (IRPEF, IRES, addizionali, IRAP) e non anche altre tipologie di imposta (esempio: IVA), sebbene l’adesione avesse riguardato pure tale imposta;

 

– rientrano nella riammissione le sole dilazioni di istituti disciplinati dal DLgs.218/97, quindi accertamento con adesione, acquiescenza, adesione ai pvc e adesione agli inviti al contraddittorio;

 

– il contribuente, per essere ammesso al beneficio, deve pagare, scorporando quanto dovuto per l’IVA (a titolo di imposta, sanzioni e interessi), l’ultima rata, ovvero la rata il cui mancato pagamento ha dato origine alla decadenza, con le medesime modalità di pagamento de indicando in F24 gli stessi codici tributo, entro il prossimo 31/05/2016;

 

– per effetto della riammissione, viene meno la sanzione del 60% calcolata sui residui importi dovuti a titolo di imposta (eccezion fatta per l’IVA), e lo stesso dicasi, almeno in parte, per gli eventuali interessi di mora e da dilazione dei ruoli, mentre non vengono meno gli aggi di riscossione.

 

 

 

 

 

RIAMMISSIONE ALLA DILAZIONE CARATTERISTICHE
Tipologia dilazione Accertamento con adesione, pvc, invito a comparire acquiescenza
Tipologia di imposta Imposte dirette
decadenza da pregressa dilazione Nei 36 mesi antecedenti il 15/10/2015
Ripresa del pagamento delle rate Dal 31/05/2016
Effetti NO a nuove azioni esecutive
Possibilità di proroga NO
Decadenza Mancato pagamento di 2 rate, anche non consecutive

 

Fonte: CGIA Mestre
avatar
  Subscribe  
Notificami