fbpx

Prosegue la battaglia sul reddito minimo garantito ai senza lavoro

lentepubblica.it • 27 Aprile 2015

soldiNon ci sarà alcun taglio sulle pensioni d’oro ma appositi strumenti per tutelare chi ha perso il posto di lavoro e non ha i requisiti per la pensione con la Legge Fornero.

 

Non ci saranno tagli delle cosiddette pensioni d’oro. Lo ha detto l’altro giorno Carlotta De Franceschi, consigliere economico del premier Matteo Renzi, durante una tavola rotonda al convegno della cassa dí previdenza dei commercialisti.

 

Secondo la proposta avanzata da Boeri, che sarà presentata al Governo a giugno, dovrebbe essere introdotta la concessione di un reddito minimo garantito a favore delle persone tra i 55 e 65 anni che si trovano senza un impiego e che hanno difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro.

 

Si tratterebbe – stando a quanto affermato da Boeri – di risorse limitate che non indurrebbero i beneficiari ad abbandonare la ricerca di un lavoro. Un’ipotesi che ha sollevato perplessità ma anche consensi: il Ministro Poletti sembra accogliere la proposta precisando, tuttavia, la necessità di riconoscere il reddito minimo agli over 55 privilegiando coloro che hanno perso il lavoro, almeno inizialmente

 

Parlando dopo il presidente dell’Inps, Tito Boeri, che aveva indicato la cassa come un esempio da seguire per il contributo di solidarietà che da anni ha previsto a carico dei pensionati con l’assegno calcolato col generoso metodo retributivo, De Franceschi ha fatto capire che la linea di Palazzo Chigi è diversa.

 

E alla domanda se il governo interverrà sulle pensioni, ha risposto: «Apprezzo il lavoro di Tito, ma non vedo interventi sulle pensioni . Se si ragionerà sulle pensioni sarà non per togliere, ma per dare. In particolare, per i lavoratori anziani in difficoltà. Stiamo studiando varie proposte, ma come è noto bisogna rispettare gli equilibri di bilancio». Quindi, nonostante Boeri porti avanti l’«operazione trasparenza», cominciata con i dossier sui fondi speciali (volo, dirigenti d’azienda, ferrovieri, telefonici), tesa a dimostrare come le pensioni in pagamento siano molto più generose rispetto ai contributi versati e che quindi si potrebbe prevedere un prelievo di solidarietà su quelle più alte (tesi che Boeri ha sostenuto da economista), il governo si tiene alla larga da simili ipotesi, anche perché la Corte costituzionale ha più volte bocciato provvedimenti a danno dei «diritti acquisiti».

 

La presidenza del Consiglio e il ministro dell’Economia stanno invece lavorando su ipotesi che hanno un altro obiettivo: non quello di riequilibrare il trattamento previdenziale tra vecchi e giovani (penalizzati dal calcolo contributivo) ma quello di evitare che i lavoratori più anziani, se licenziati, non restino senza stipendio e senza pensione perché non hanno ancora raggiunto i requisiti previsti dalla riforma Fornero. Rispetto a questo problema si possono ipotizzare diversi interventi.

 

Reintrodurre elementi di flessibilità sull’età pensionabile a partire dai 62 anni di età, ma costa molto. Prevedere un mini-assegno anticipato per chi perde il lavoro a 2-3 anni dalla pensione, che poi lo stesso lavoratore restituirebbe a piccole rate mensili da quando comincerebbe a prendere la pensione piena. Potenziare l’Asdi, l’assegno aggiuntivo di disoccupazione per chi è vicino alla pensione e ha un basso reddito.

 

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)
avatar
  Subscribe  
Notificami