fbpx

Regime Forfettario 2019 e tasse per il dipendente: le regole

lentepubblica.it • 8 Febbraio 2019

regime-forfettario-2019-tasse-dipendenteRegime Forfettario 2019 e tasse per il dipendente: le regole. Le conseguenze e le novità inerenti al regime forfettario dopo le modifiche introdotte con la Legge di bilancio 2018 (L. 145/2018).


Ora si prevede che i contribuenti – persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni – che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi/compensi non superiori a 65.000 euro, rientrino automaticamente nel regime forfettario.

 

Le modifiche sono dettate dai commi 9-11 dell’articolo 1, che intervengono sulla disciplina istituita – dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, commi 54-89, legge 190/2014) – a favore delle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, consistente nella determinazione forfettaria del reddito e nel suo assoggettamento a un’imposta sostitutiva (dell’Irpef e relative addizionali regionale e comunale nonché dell’Irap) con aliquota del 15 per cento.

 

Ma quale relazione intercorre tra il Regime Forfettario 2019 e le tasse per il dipendente?

 

Regime Forfettario 2019 e tasse per il dipendente

 

Le novità riguardano i nuovi vincoli, ovvero:

 

  • divieto di svolgimento in prevalenza dell’attività nei confronti del proprio datore di lavoro o di un soggetto che lo è stato nei due anni precedenti o, comunque, di un soggetto ad esso riconducibile;
  • divieto di partecipazione a società di persone, associazioni, imprese familiari;
  • divieto di controllo, direttamente o indirettamente, di Srl o associazioni in partecipazione che esercitano attività direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dal soggetto in forfait.

 

La possibilità di avere dipendenti per un forfettario ha molti aspetti rilevanti anche dal punto di vista lavorativo. Tali soggetti infatti:

 

  • non operano ritenute alla fonte
  • indicano nella propria dichiarazione dei redditi i compensi corrisposti e il codice fiscale dei percettori per i quali non è stata operata la ritenuta fiscale.

 

Nella busta paga del lavoratore sarà indicato:

 

  • retribuzione lorda;
  • imponibile;
  • rienute fiscali.

 

Il lavoratore dovrà dunque presentare autonomamente il proprio 730 o il proprio modello Redditi e sottoporre a tassazione il reddito da lavoro dipendente conseguito nell’anno.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami