fbpx

Criteri per la detrazione fiscale spettante ai lavoratori che trasferiscono la propria residenza

lentepubblica.it • 26 Febbraio 2015

Mi sono trasferito da Potenza a Milano per lavoro. Ho un contratto di collaborazione continuata e continuativa. Mi spetta la detrazione per i lavoratori che trasferiscono la residenza?

Michele Salvati

 

Criteri per la detrazione fiscale spettante ai lavoratori che trasferiscono la propria residenza. La detrazione spetta esclusivamente ai lavoratori dipendenti che hanno trasferito o trasferiscono la propria residenza nel comune di lavoro o in uno di quelli limitrofi, nei tre anni antecedenti a quello di richiesta della detrazione (articolo 16, comma 1-bis, del Tuir). Per usufruire della detrazione, il contribuente deve essere titolare di un contratto di lavoro dipendente, anche appena stipulato. Non spetta invece alcuna detrazione per i lavoratori con un diverso contratto di lavoro, come i titolari di redditi di collaborazione continuata e continuativa e gli altri percettori di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (paragrafo 6.2 della circolare 50/E del 2002).

Dal 9 maggio 2012 il cambio di residenza si effettua in tempo reale. Il cambio di residenza o di abitazione decorre dal giorno in cui viene fatta la dichiarazione. In precedenza si era costretti ad attendere per mesi con tutti i conseguenti disagi.  La dichiarazione deve essere resa al Comune di nuova residenza con le seguenti modalità:

  • via posta elettronica ordinaria, fax o raccomandata,  utilizzando l’apposito modello dichiarazione di residenza (o dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero). Il modello compilato in ogni sua parte e firmato va inviato  insieme ad una fotocopia  del proprio documento d’identità in corso di validità. Per inviarlo per posta elettronica moduli e documento di identità vanno scannerizzati e allegati ad una mail.
  • via posta elettronica compilando l’apposito modello dichiarazione di residenza (o dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero) in ogni sua parte e sottoscrivendolo confirma digitale oppure identificandosi con la carta di identità elettronica o la carta dei servizi
  • dalla propria casella di posta elettronica certificata (PEC) compilando l’apposito modello dichiarazione di residenza (o dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero) in ogni sua parte. In questo caso non occorre firmare la dichiarazione perché la persona che fa la dichiarazione è identificata attraverso la PEC
  • di persona, allo sportello utilizzando il modulo  dichiarazione di residenza (o dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero)

 

 

FONTE: Fisco Oggi – Rivista Telematica dell’Agenzia delle Entrate

AUTORE: Gianfranco Mingione

 

 

mutui

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami