Ricavi sproporzionati per l’azienda: accertamento fiscale è legittimo

lentepubblica.it • 20 Giugno 2017

scomputo perdite accertamentoLegittima la pretesa dell’ufficio fiscale in mancanza di prove che giustificano uscite sproporzionate rispetto ai ricavi e all’attività dell’azienda


 

SINTESI: In tema di accertamento delle imposte sui redditi, l’onere della prova dei presupposti dei costi ed oneri deducibili concorrenti alla determinazione del reddito d’impresa, ivi compresa la loro inerenza e la loro diretta imputazione ad attività produttive di ricavi, tanto nella disciplina del DPR n. 597 del 1973 e del DPR n. 598 del 1973, che del DPR n. 917 del 1986, incombe al contribuente, il quale è tenuto altresì a dimostrare la coerenza economica dei costi sostenuti nell’attività d’impresa, ove sia contestata dall’Amministrazione finanziaria anche la congruità dei dati relativi a costi e ricavi esposti nel bilancio e nelle dichiarazioni, in difetto di tale prova essendo legittima la negazione della deducibilità di parte di un costo sproporzionato ai ricavi o all’oggetto dell’impresa.

 

 

 

Ordinanza n. 14229 del 7 giugno 2017 (udienza 1 marzo 2017)

 

Cassazione civile, sezione VI – 5 – Pres. Schirò Stefano – Est. MANZON Enrico

 

Accertamento delle imposte sui redditi – L’Amministrazione finanziaria è legittimata a negare la deducibilità di un costo se l’imprenditore non prova i presupposti dei costi e degli oneri deducibili concorrenti alla determinazione del reddito, nonché l’inerenza e la coerenza economica dei costi sostenuti.

Fonte: Fisco Oggi, Rivista Telematica dell'Agenzia delle Entrate
avatar
  Subscribe  
Notificami