Rimborsi prioritari dell’IVA: da oggi sono maggiori i destinatari

lentepubblica.it • 17 Maggio 2016

sostegno inclusione attivaA partire dalle richieste relative al secondo trimestre dell’anno d’imposta 2016, anche i soggetti che svolgono attività di pulizia, demolizione, installazione e completamento su edifici avranno diritto a ricevere il rimborso dei crediti Iva annuali e infrannuali in via prioritaria, cioè entro tre mesi dalla presentazione dell’istanza. A stabilirlo, il decreto Mef del 29 aprile 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 13 maggio.

 

Il presupposto normativo della disposizione risiede nell’articolo 38-bis del Dpr 633/1972, che demanda ad appositi decreti ministeriali l’individuazione, per attività esercitata e tipologia di operazioni, delle categorie di contribuenti per i quali i rimborsi sono eseguiti in via prioritaria.

 

I contribuenti individuati dal Dm in esame, dunque, si aggiungono a una serie di categorie già ammesse ai rimborsi veloci, fra cui:

 

 

  • subappaltatori edili
  • operatori che si occupano del recupero e della preparazione per il riciclaggio metallici
  • produttori di zinco, piombo, stagno e semilavorati produttori di alluminio e semilavorati
  • costruttori di aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi
  • esercenti cinematografici.

 

 

Le condizioni per ottenere il rimborso prioritario sono l’esercizio dell’attività da almeno tre anni, un’eccedenza detraibile richiesta a rimborso pari o superiore a 10mila euro per i rimborsi annuali o 3mila per quelli trimestrali, eccedenza detraibile richiesta a rimborso di importo pari o superiore al 10% dell’importo complessivo dell’Iva assolta sugli acquisti e sulle importazioni effettuati nell’anno o nel trimestre a cui si riferisce il rimborso richiesto (articolo 2, Dm 22 marzo 2007).

Fonte: Fisco Oggi, Rivista Telematica dell'Agenzia delle Entrate
avatar
  Subscribe  
Notificami