Rimborso IVA 2019, la soglia per l’erogazione è cambiata

lentepubblica.it • 11 Marzo 2019

rimborso-iva-2019-sogliaRimborso IVA 2019, la soglia è cambiata: sono state introdotte diverse ed importanti novità circa i rimborsi Iva in quanto è stata aumentata la soglia limite entro la quale, il rimborso IVA può essere erogato senza ulteriori adempimenti.


Rimborsi Iva liberi con una nuova soglia: questa la nuova soglia entro la quale i crediti chiesti a rimborso in sede di dichiarazione annuale, oppure di istanza trimestrale, saranno erogati dall’amministrazione finanziaria, a tutti i contribuenti, senza l’onere della garanzia fideiussoria o del «visto rinforzato». Lo prevede una recente integrazione al DL 193/2016.

Rimborso IVA 2019, la soglia è cambiata

Il nuovo limite è adesso fino a 30 mila euro, rispetto ai 15 mila euro vecchi.

I rimborsi (previsti nell’articolo 30 del DPR 633/1972) sono eseguiti, su richiesta fatta in sede di dichiarazione annuale, entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione Iva. Sulle somme rimborsate si applicano gli interessi in ragione del 2% annuo, con decorrenza dal 90° giorno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, non computando il periodo intercorrente tra la data di notifica della richiesta di documenti e la data della loro consegna, quando superi quindici giorni.

La richiesta di rimborso del credito, emergente dalla Dichiarazione annuale IVA/2019 per l’anno 2018 – che viene già presentata a partire dal 1° febbraio 2019 ed è disciplinata dall’art. 38-bis del D.P.R. 633/1972 – risulta modificata dalle disposizioni contenute nel Decreto Fiscale, con il raddoppio del precedente limite salito da 15.000 a 30.000 euro. Soglia riguardante esclusivamente la richiesta di rimborso del credito Iva.

L’innalzamento della soglia a 30mila euro, parte dalla dichiarazione Iva annuale e dalle domande rimborso credito IVA primo trimestre, tramite modello TR Agenzia delle entrate. Riassumendo, il credito IVA trimestrale non superiore a 30,000 euro è rimborsabile liberamente senza bisogno di ulteriori adempimenti come garanzie o visti.

Requisiti per il Rimborso IVA 2019

I requisiti previsti per ottenere il rimborso dell’IVA sono di seguito indicati:

  • requisito oggettivo: il credito IVA deve ammontare almeno ad euro 2.582,28 (art. 30, comma 3, D.P.R. n. 633/1972);
  • requisito soggettivo: è necessario che sia verificata almeno una delle seguenti condizioni (nell’anno o nel trimestre, in caso di rimborso infrannuale):
    • esercizio in via esclusiva o prevalente di attività che comportino l’effettuazione di operazioni soggette ad IVA con aliquote inferiori a quelle dell’imposta relativa agli acquisti ed alle importazioni;
    • effettuazione di operazioni non imponibili per un ammontare superiore al 25% dell’ammontare complessivo di tutte le operazioni effettuate;
    • acquisto od importazione di beni ammortizzabili (nonché di beni e servizi per studi e ricerche), limitatamente alla relativa imposta;
    • effettuazione in prevalenza di operazioni non soggette ad IVA a norma dell’art. 7, D.P.R. 633/1972;
    • nomina di un rappresentante fiscale, secondo quanto previsto dall’art. 17, comma 2, D.P.R. n. 633/1972.
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami