fbpx

Rivedere patto di stabilità, da lì risorse per edilizia scolastica e piano casa

lentepubblica.it • 15 Aprile 2014

Assicurare la revisione definitiva del patto di stabilità dal 2015, così da garantire le risorse necessarie all’attuazione del piano per l’edilizia scolastica e del piano scuola. Non utilizzare i fabbisogni standard in modo improprio, attraverso i marchingegni della spending review, così da diminuire ulteriormente l’autonomia finanziaria dei Comuni. Garantire, all’interno del documento finanziario, una valutazione comparativa dei sacrifici affrontati in questi anni da singoli comparti dello Stato, evidenziando lo sforzo sostenuto dai Comuni. Queste le principali richieste avanzate dall’Anci durante un’audizione davanti le commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato sul Documento di Economia e Finanza 2014. A rappresentare il punto di vista dei Comuni – sintetizzato in un documento consegnato ai parlamentari – sono stati il sindaco di Livorno e coordinatore delle Anci regionali, Alessandro Cosimi, presente Silvia Scozzese, direttore scientifico di Ifel.

Nel documento l’Associazione evidenzia anche la necessità di avviare subito il confronto per garantire ai Comuni dal 2015 l’intero gettito della tassazione immobiliare, fornendo loro gli strumenti per gestire al meglio il nuovo catasto. Eguale attenzione va riservata ad un’altra novità normativa del prossimo anno: il nuovo sistema di contabilità pubblica, per il quale i Comuni sollecitano adeguate misure finanziarie che rendano graduale e sostenibile l’applicazione delle nuove regole.

Cosimi, parlando al termine dell’audizione, ricorda come in questi anni i Comuni abbiano affrontato enormi sacrifici per il risanamento del bilancio dello Stato. “Per i Comuni non si tratta di avere una semplice medaglia, siamo convinti che in una logica istituzionale possiamo far valere le nostre ragioni nei confronti dello Stato che, numeri alla mano, – precisa – in questi anni non ha fatto nulla per diminuire la spesa”.

Sul tema del patto di stabilità la sua analisi riecheggia la posizione da sempre sostenuta dall’Anci: va introdotto la golden rule e superato l’avanzo di bilancio imposto ai Comuni per risanare la finanza pubblica. “Questo patto riesce solo, pensando anche alla confusione sulla tassazione immobiliare, a scoraggiare i Comuni dal fare investimenti depotenziando la loro spinta economica anticiclica”.

Quanto alle novità del piano casa e per l’edilizia scolastica, il sindaco di Livorno osserva che le due iniziative non offrono adeguate garanzie finanziarie. “Così come indicate, rischiano di diventare un punto di grande aspettativa per i cittadini senza trovare congrua capacità di attuazione sul piano concreto”, afferma.

Infine un accenno al tema delle municipalizzate, per le quali il coordinatore delle Anci regionali paventa soluzioni troppo frettolose. “Come Comuni siamo interessati ad una revisione del sistema, che incentivi processi di aggregazione e di graduale razionalizzazione. Ma bisogna avviare un tavolo con Stato, Comuni e Regioni, non si può pensare che l’unica strada sia quella di regionalizzarle, anche perché – ribadisce Cosimi – si tratta sempre di asset che appartengono alle amministrazioni comunali.

Scarica il documento consegnato ai parlamentari: Audizione ANCI DEF 2014

FONTE: Anci

patto_di_stabilita

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami