Tasi: i Comuni incassano, i contribuenti pagano

lentepubblica.it • 30 Gennaio 2014

A Cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

TASI: I COMUNI INCASSANO, I CONTRIBUENTI PAGANO

2,5 MILIONI DI CONTRIBUENTI “ESENTI IMU” PAGHERANNO, INVECE, LA TASI A SEGUITO DELLA DECISIONE DI DIROTTARE AI COMUNI I 500 MILIONI DI EURO PER LE DETRAZIONI   

CON L’ADDIZIONALE DELLO 0,8% LE EVENTUALI DETRAZIONI (63 EURO MEDI) LE PAGHERANNO I CONTRIBUENTI

CON ALIQUOTE AL 3,3 PER MILLE SI RISCHIA DI PAGARE PIU’ DELL’IMU

PER OLTRE 10,5 MILIONI DI CONTRIBUENTI IL RISCHIO E’ CHE LA TASI SIA PIU’ PESANTE DELL’IMU 

L’accordo tra Governo Comuni sulla TASI ha un solo significato: i Comuni incassano e i contribuenti pagano.

Infatti, la decisione di non utilizzare i 500 milioni di euro previsti dalla Legge di Stabilità, che avrebbero permesso di introdurre delle detrazioni (25 euro medi), anche sull’aliquota di base, rischia di far “passare alla cassa” 2,5 milioni di contribuenti “esenti IMU”, che per effetto del combinato disposto delle basse rendite catastali e detrazioni non avevano pagato l’imposta nel 2012.

Inoltre, per oltre 10,5 milioni di contribuenti (il 50% del totale), residenti negli oltre 5.600 Comuni che avevano l’aliquota IMU al 4%, la TASI rischia di essere più pesante della stessa IMU.

Ad affermarlo è Guglielmo Loy – Segretario Confederale UIL, presentando i dati emersi dall’elaborazione del Servizio Politiche Territoriali sulla nuova tassa che ha sviluppato 5 esempi.

Con la decisione di aggiungere un’addizionale (tra lo 0,1 per mille e lo 0,8 per mille) sulle aliquote massime della TASI, da dedicare esclusivamente alle detrazioni, il rischio è che i Comuni siano spinti a portare al massimo le aliquote di riferimento.

Questa operazione porterebbe un’extra gettito di 1,4 miliardi di euro, che equivalgono a soli 63 euro medi per le detrazioni.

Nelle nostre simulazioni, commenta Loy, per la prima casa, si parte da un gettito medio, senza addizionale aggiuntiva, di 135 euro (198 euro senza detrazioni), ai 198 euro (261 euro senza detrazioni), con l’aliquota massima al 3,3 per mille.

Mentre, per le seconde case, si può arrivare ad aumenti del 7,6% (64 euro) nel caso si applicasse l’aliquota dell’11,4 per mille.

Lo studio completo: Tasi, i comuni incassano e i contribuenti pagano

FONTE: Uil

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami