fbpx

Per i nuovi residenti niente tasse a Offida (AP): l’iniziativa del Comune

lentepubblica.it • 12 Marzo 2018

tasse-offidaUno dei borghi più belli d’Italia: e sarà anche uno dei più economici in assoluto. I nuovi residenti non pagheranno le tasse a Offida per 10 anni.


Niente tasse ad Offida per 10 anni, per chi decide di andare a risiedere nel piccolo Comune in provincia di Ascoli. Il Comune fa parte dei Borghi più belli d’Italia. La misura fa parte del Bilancio di previsione per il triennio 2018-2020 che il Comune di Offida ha messo in campo. Previsti anche: la riduzione drastica di oneri di urbanizzazione; bonus bebè di 500 euro e meno tasse.

 

La misura è stata messa in atto per combattere lo spopolamento ed il disagio insediativo nel Piccolo Comune. Il borgo medievale, uno dei più affascinanti e culturalmente vivaci delle Marche, conta quasi 5.000 abitanti e, come altri centri collinari, risente di un calo demografico “fisiologico” ma che si fa anno dopo anno più grave. A peggiorare la situazione, inoltre, nel 2016 è arrivato il terremoto, che ha danneggiato alcuni edifici imponendo agli occupanti di trasferirsi altrove.

 

L’esenzione totale delle tasse nella Iuc (Imposta Unica comunale), Tari compresa, per 10 anni è il punto saliente del Bilancio di previsione 2018-2020 presentato dal Comune dell’Ascolano per contrastare la decrescita demografica nei territori dell’entroterra Piceno.

 

Inoltre, in caso di ristrutturazione di un immobile o di nuove costruzioni, l’Amministrazione Lucciarini ha deciso di ridurre drasticamente gli oneri di urbanizzazione. Oltre a ‘Zero per 10’ e “Meno oneri Più case’, le altre due misure all’interno del pacchetto “Offida obiettivo sviluppo” sono: ‘Benvenuti Concittadini’, bonus bebè di 500€, e ‘Meno Tasse’, con la riduzione della aliquota IRPEF per tutti i cittadini allo 0.78 per mille.

 

Niente tasse a Offida dunque per 10 anni e altri interventi agevolativi: misure che rendono particolarmente allettante spostare la residenza nel piccolo centro.

 

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami