Tax Credit Librerie 2021: via libera alle domande

lentepubblica.it • 24 Settembre 2021

Tax Credit Librerie 2021: via libera alle domande Fino al 29 ottobre sarà possibile presentare le domande per accedere al credito d’imposta a sostegno dei negozi che vendono libri al dettaglio.


La Legge n.205 del 27 dicembre 2017 (commi 319-321) ha riconosciuto un credito di imposta, a decorrere dall’anno 2018, agli esercenti che operano nella vendita al dettaglio di libri in esercizi specializzati.

La misura nota come Tax Credit Librerie, introdotta dal ministro Franceschini insieme al Ministero dell’Economia e delle Finanze, può contare quest’anno su uno stanziamento complessivo di 18.250.000 euro, grazie ai fondi previsti con il decreto n. 226 firmato dallo stesso Ministro della Cultura il 28 giugno scorso, che ha integrato la dotazione ordinaria per il 2021.

Si tratta di un provvedimento di grande rilievo che, secondo quanto dichiarato dal Ministro Franceschini:

“Contribuisce a rafforzare la presenza sul territorio delle librerie, che rappresentano un avamposto culturale fondamentale, soprattutto nei piccoli centri.  Il libro e tutta la sua filiera, dall’autore, al distributore, al piccolo editore, al traduttore vanno sostenuti con determinazione”.

Modalità di presentazione della domanda 

Le istanze, relative all’anno 2020, saranno raccolte dalle ore 12:00 del 13 settembre 2021 e fino alle ore 12:00 del 29 ottobre 2021, esclusivamente tramite la piattaforma: https://taxcredit.librari.beniculturali.it/sportello-domande/

Si segnala che gli utenti che hanno già presentato istanza o effettuato l’accesso al portale nell’anno precedente, devono comunque effettuare una nuova registrazione; inoltre, alcuni dati riferiti all’esercente o ai punti vendita verranno confrontati con i sistemi informativi della Camera di Commercio, pertanto è consigliabile tenerli costantemente aggiornati.

Inoltre, per accedere alla compilazione della domanda occorre registrarsi inserendo i dati relativi all’impresa esercente e i campi relativi al legale rappresentante ed è a disposizione una guida per gli utenti che mostra nel dettaglio tutti i passi necessari per procedere all’inserimento della domanda.

Ripartizione delle risorse del Tax Credit 

Le nuove risorse sono ripartite tra le imprese, in possesso dei codici ATECO principale 47.61 o 47.79.1., che potranno accedere alle agevolazioni fiscali nella misura massima di:

  • 20.000 euro per gli esercenti di librerie indipendenti
  • e 10.000 euro per tutti gli altri.

Parametri per il calcolo del credito di imposta

Il credito d’imposta è parametrizzato, con riferimento al singolo punto vendita e riferito alle seguenti voci:

  • IMU – imposta municipale unica;
  • TASI – tributo per i servizi indivisibili;
  • TARI – tassa sui rifiuti;
  • imposta sulla pubblicità;
  • tassa per l’occupazione di suolo pubblico;
  • spese per locazione, al netto IVA;
  • spese per mutuo;
  • contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente.

Le voci sono da riferirsi agli importi dovuti nell’anno precedente la richiesta di credito di imposta.

Infine, per ciascuna delle voci è stabilito un massimale di costo, ai fini della parametrizzazione del credito di imposta teorico spettante, come indicato nella Tabella 1 del Decreto 23 Aprile 2018.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments