Fondi Pubblici: rilevazione dati su finanziamento per cooperazione internazionale

lentepubblica.it • 8 Gennaio 2016

cooperazione internazionaleIl Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione- MAECI sta raccogliendo i dati delle attività di cooperazione allo sviluppo finanziate con fondi pubblici nel 2015, per la notifica annuale al Comitato per l’Aiuto Pubblico allo Sviluppo- DAC della Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico-OCSE e per la preparazione della Relazione annuale al Parlamento.

 

Vi sono importanti novità rispetto alle precedenti rilevazioni, infatti: in conformità a quanto disposto dalla nuova legge di cooperazione nell’art. 12, comma 4 della Legge 125/14, la Relazione al Parlamento per il 2015 deve dare conto delle attività svolte da tutte le amministrazioni pubbliche e interesserà quindi anche tutti i Comuni italiani che abbiano contribuito all’azione di cooperazione internazionale, mentre nel passato la richiesta aveva interessato solo i comuni capoluogo di Provincia, e in linea con quanto previsto dall’art.1 -Oggetto e finalità della nuova legge su ”L’aiuto umanitario”, comprenderà anche la rilevazione dei fondi propri dei Comuni utilizzati per l’assistenza ai rifugiati nel primo anno di permanenza in Italia.

 

La comunicazione dei dati richiesti consentirà di presentare all’OCSE e al Parlamento italiano un quadro più completo di quanto si fa in Italia al livello locale per migliorare la qualità di vita delle popolazioni dei paesi in difficoltà di sviluppo e delle persone in fuga da guerre e persecuzioni . Si rileva l’importanza di portare a conoscenza del Governo e dell’OCSE il contributo dei Comuni italiani nella prospettiva di sistema aperta dalla nuova legge di cooperazione –L.125/14- e dal Protocollo d’intesa firmato il 1 luglio scorso tra il MAECI, la PCM-DARAS e l’Anci.

 

Il termine per la risposta scade il prossimo 15 gennaio, una data molto anticipata rispetto alle rilevazioni degli anni passati, definita in ragione della maggiore complessità dei tempi di preparazione della Relazione al Parlamento e del termine del 31 marzo previsto dalla Legge per la definizione e approvazione del Documento di programmazione e indirizzo della politica di cooperazione.

Fonte: ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
avatar
  Subscribe  
Notificami