fbpx

Bando: eccellenze in digitale per PMI Made in Italy

lentepubblica.it • 15 Luglio 2015

made in italy 2“Made in Italy – Eccellenze in digitale” giunge alla sua quinta edizione, prevedendo il finanziamento di 128 borse di studio per laureati, laureandi e diplomati al fine di diffondere le competenze digitalitra le imprese grazie all’inserimento di giovani digitalizzatori su un’iniziativa comune di Google, Unioncamere, Ministero delle Politiche Agricole, Fondazione Symbola e Università Cà Foscari di Venezia. Si tratta di un percorso formativo per aziende del Made in Italy che vogliono capire come: farsi trovare in Rete; vendere online; costruire una community; raccontare la propria storia.

 

Obiettivi del progetto:

 

– favorire la digitalizzazione dei territori a più elevata capacità di offerta di beni e servizi direttamente collegati alla tipicità dei territori, con particolare riferimento ai settori di punta del Made in Italy e alle filiere caratterizzanti l’immagine dell’Italia nel mondo;

 

– contribuire all’avvicinamento di giovani talenti altamente qualificati nel campo dell’ICT ai contesti aziendali;

 

– incrementare la consapevolezza del ruolo che Internet e la digitalizzazione possono svolgere per la competitività del tessuto produttivo italiano.

 

In ciascuna delle province partecipanti al progetto, due giovani selezionati mediante avviso pubblico in base a conoscenze del contesto locale e competenze marketing, con esperienza web e social media. Selezionati, supporteranno fino ad aprile 2016 un numero selezionato di aziende in attività di promozione online, attivazione di forme di e-commerce e definizione di campagne di online marketing favorendo, attraverso la digitalizzazione, un migliore accesso delle PMI ai mercati internazionali.

 

Le 64 Camere di Commercio aderenti supporteranno il progetto promuovendo l’iniziativa presso le imprese del territorio di riferimento ed ospitando i giovani selezionati presso la propria sede o presso strutture locali individuate.

Fonte: PMI (www.pmi.it) - articolo di Francesca Vinciarelli
avatar
  Subscribe  
Notificami