Fondi Europei per lo Sport: conferenza congiunta tra UEFA e Comitato delle Regioni UE

lentepubblica.it • 29 Novembre 2018

fondi-europei-sport-conferenzaSi é tenuta a Bruxelles la Conferenza congiunta tra UEFA e Comitato delle Regioni dell’UE sul tema “Fondi europei per lo sport”, alla presenza del Presidente Lambertz, del Vicepresidente UEFA Nilsson e del Commissario UE Navracsics.


A rappresentare la Delegazione italiana al Comitato delle Regioni il vice presidente vicario di Anci Roberto Pella, relatore del parere d’iniziativa recentemente adottato all’unanimità “Inserire lo sport nell’Agenda europea dopo il 2020”.

 

“Il nostro obiettivo deve essere la nascita di un programma dedicato per la materia dello Sport dopo il 2020, perché il tema possa svilupparsi similmente a quanto abbiamo visto verificarsi per la Cultura o le Politiche Giovanili”, ha detto Pella. “Tuttavia, siamo consci che, a breve termine, la prospettiva del nuovo Quadro Finanziario Pluriennale ci deve condurre intanto a tracciare la via, nelle nostre discussioni, per la definizione di tale aspetto attraverso una stagione di impiantistica sportiva di media e piccola scala multifunzionale ed energicamente sostenibile, un’attività di sport diplomacy e scambi di competenze, un dialogo in grado di promuovere i valori dell’Europa attraverso lo sport e il dialogo costruttivo e multilivello”.

 

Il vice presidente Anci ha poi ricordato come “é ormai noto che l’attività fisica contribuisce in modo determinante non solo a prevenire le Malattie Croniche Non Trasmissibili, favorendo il controllo di numerosi fattori di rischio, ma anche a sostenere e rafforzare il benessere psicofisico e la qualità della vita in entrambi i sessi”.

 

Per questo motivo “le raccomandazioni internazionali sull’attività fisica per la salute dell’OMS rappresentano un punto di riferimento fondamentale per i singoli Paesi, in quanto rafforzano il principio della pratica dell’attività fisica accessibile a tutti.

 

I livelli di attività fisica raccomandati sono infatti raggiungibili nei contesti della vita quotidiana: ambito scolastico, domestico, ricreativo e lavorativo”. Secondo Pella, “un aumento dei livelli di attività fisica praticata dalla popolazione determinerebbe un notevole risparmio per il Servizio Sanitario Nazionale, e da questo punto di vista Anci ha sviluppato molte iniziative volte all’adozione di stili di vita sani in ambienti sani, dall’intesa con ICS su impiantistica sportiva e piste ciclabili a URBACT ai Fondi per le Periferie”, ha concluso.

Fonte: ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
avatar
  Subscribe  
Notificami