fbpx

Governo – Call for unsecured investors: annuncio per ricerca investitori non garantiti

lentepubblica.it • 5 Giugno 2015

commissione, dirittoLa società per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese con sede in Italia (istituita dal decreto-legge del 24 gennaio 2015, n.3 – art. 7) promuove la sottoscrizione del capitale da parte di investitori istituzionali e professionali.

 

I soggetti interessati a partecipare al capitale della Società in qualità di Investitori Non Garantiti potranno presentare le loro manifestazioni di interesse al seguente indirizzo mail:

 

investitori@governo.it

 

La Presidenza del Consiglio dei Ministri si riserva di contattare i potenziali investitori selezionati che abbiano inviato la manifestazione di interesse entro martedì 23 giugno 2015 al fine di comunicare gli eventuali ulteriori termini e condizioni per la partecipazione all’iniziativa.

 

 

In ogni caso, la Presidenza del Consiglio dei Ministri potrà contattare anche altri investitori che non abbiano presentato la manifestazione di interesse oggetto del presente annuncio, che riveste carattere esclusivamente informativo.

 

Gli investitori della Società saranno di due categorie: fino al 70% del capitale sarà costituito da Investitori Garantiti, ovvero investitori il cui investimento sarà assistito per l’80% da una garanzia di Stato onerosa secondo i principi ed i meccanismi definiti dal DPCM. Per ogni Investitore Garantito l’ammontare minimo dell’impegno di investimento è pari ad euro 100 milioni con un obiettivo di raccolta minimo complessivo pari ad euro 580 milioni.

 

Almeno il 30% del capitale della Società sarà costituito da Investitori Non Garantiti i quali avranno un ruolo determinante nelle deliberazioni concernenti gli investimenti e i finanziamenti da effettuare e nella nomina di soggetti cui saranno attribuiti poteri gestionali di livello apicale. Obiettivo di raccolta minima complessiva per gli Investitori Non Garantiti pari ad euro 250 milioni.

 

Per tutte le restanti informazioni consultate il documento in allegato a quest’articolo.

Fonte: MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze
avatar
  Subscribe  
Notificami