fbpx

Trasparenza, Open Government Partnership: più coinvolgimento ai Governi Locali

lentepubblica.it • 3 Febbraio 2016

ogpL’Open Government Partnership (OGP) lancia un nuovo programma pilota destinato a coinvolgere più attivamente i governi subregionali nell’iniziativa che vuole garantire impegni concreti da parte dei governi per promuovere la trasparenza, coinvolgere i cittadini, combattere la corruzione e sfruttare le nuove tecnologie per rafforzare la governance.

 

L’Open Government Partnership (OGP) lancia un nuovo programma pilota destinato a coinvolgere più attivamente i governi locali nell’iniziativa che vuole garantire impegni concreti da parte dei governi per promuovere la trasparenza, coinvolgere i cittadini, combattere la corruzione e sfruttare le nuove tecnologie per rafforzare la governance.

 

L’OGP è alla ricerca di governi locali, con convinti riformatori a livello politico e amministrativo e con partner nella società civile impegnati ed energici, disposti a partecipare a un programma pilota progettato per promuovere la riforma del governo aperto.

 

Gli obiettivi del programma pilota sono:

 

  • ampliare il numero delle figure politiche che adottano l’OGP e l’impegno verso i valori dell’OGP da parte dei differenti livelli di governo locale e rendere i governi locali responsabili in quanto essi sono il luogo dove molti cittadini accedono direttamente a servizi ed informazioni;

 

  • imparare come l’OGP possa sostenere al meglio i governi locali nel rendere le loro regioni più aperte, trasparenti e sensibili ai loro cittadini e determinare la migliore struttura per la partecipazione dell’OGP a livello locale;

 

  • scoprire e promuovere tecniche e pratiche di governo apertonuove e innovative che emergono a livello locale in tutto il mondo;

 

  • creare opportunità concrete per i governi locali di imparare gli uni dagli altri, condividere esperienze e costruire a partire dalle esperienze di governo aperto dei loro colleghi;

 

  • sostenere e potenziare i riformatori a livello di governo locale con la competenza tecnica e l’ispirazione e creare le giuste condizioni e i giusti incentivi per permettere loro di portare avanti impegni concreti nell’apertura del governo locale;

 

  • ampliare e approfondire la partecipazione delle organizzazioni della società civile (OSC) in OGP.

 

 

Il programma prevede due livelli:

 

  • una selezione di 10 governi locali, che sono pionieri nello sviluppo delle politiche di apertura del governo, saranno invitati ad impegnarsi direttamente con l’OGP nel programma pilota. Riceveranno assistenza dedicata e sostegno dalla OGP Support Unit e dall’OGP Steering Comittee nello sviluppare e portare a terminepiani di azione relativi ad impegni nello sviluppo di politiche di governo aperto, in compartecipazione con le organizzazione della società civile; saranno inoltre parte attiva nella attività di networking e di diffusione della conoscenza con gli altri governi locali;

 

  • una più larga platea di attori impegnati nell’Open Government a livello locale, provenienti sia dai governi locali che dalla società civile, saranno invitati a partecipare ad eventi quali summit globali o locali organizzati dall’OGP per imparare dalle buone pratiche e scambiare esperienze; saranno inoltre incoraggiati a lavorare insieme al livello nazionale per includere nei piani di azione nazionali impegni di carattere locale.

 

 

I criteri di accesso per il secondo livello sono la dimensione (popolazione minima di 250.000 abitanti) e che il governo nazionale sia già partecipante dell’OGP. (L’Italia partecipa all’OGP sin dall’inizio).

 

Quelli per accedere al primo livello sono, oltre ai precedenti:

 

  • impegnarsi a rispettare i principi propri dell’amministrazione aperta articolati nella Dichiarazione Open Government;

 

  • avere l’impegno da parte del leader politico del governo locale e del personale che può dedicare tempo per sviluppare e attuare gli impegni in collaborazione con la società civile;

 

  • avere dimostrato già un impegno per il governo aperto, ad esempio attraverso i dati aperti, l’impegno civile, l’accesso alle informazioni, il bilancio e la trasparenza fiscale, la politica partecipativa;

 

  • manifestare interesse a ricevere sostegno diretto e a livello istituzionale dall’OGP di co-creare impegni e portare avanti gli sforzi di riforma nella direzione del governo aperto;

 

  • avere positive esperienze di lavoro con la società civile locale e dimostrare un impegno per la tutela dello spazio civico e per il coinvolgimento costruttivo dei cittadini estranei alle strutture di governo locale;

 

  • avere la volontà di condividere esperienze e conoscenze con i colleghi di altre regioni e paesi;

 

  • sono disposti ad assumere un ruolo di tutoraggio formale verso un altro governo locale dopo il primo anno del programma pilota.

 

Le candidature devono giungere entro il 29 febbraio 2016.

 

Qui la pagina dell’OGP con tutti i dettagli e le informazioni per procedere.

Fonte: Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione
avatar
  Subscribe  
Notificami