A Pisa nasce ConfAsp

lentepubblica.it • 27 Gennaio 2014

In seno all’Ascom è stato costituito il sindacato dei professionisti della moneta elettronica. Primo presidente è Yuri Cantini.

E’ nato ufficialmente a Pisa ConfAsp, il sindacato degli agenti in servizi di pagamento. Parliamo di una figura professionale nuova, nata grazie ad una Direttiva Europea ed introdotta in Italia nel febbraio del 2013. Attualmente sono più di 1.100 i professionisti iscritti in tutta Italia che vendono servizi di pagamento alternativi al contante: moneta elettronica, pos, carte prepagate, bollettini, per conto degli istituti di moneta elettronica e degli Istituti di pagamento italiani.

Yuri Cantini è stato eletto alla presidenza della nuova Federazione che, partendo da Pisa, aspira ad una dimensione nazionale: “il nostro proposito è quello di diventare punto di riferimento per molti altri colleghi in provincia e nell’intero territorio nazionale. Per esercitare la nostra professione, esistono requisiti di onorabilità e di professionalità, è obbligatorio effettuare un corso per l’iscrizione ed ogni anno dobbiamo frequentare corsi di aggiornamento. Le procedure sono tutt’altro che agevoli e la normativa è piuttosto oscura. Noi mettiamo a disposizione assistenza legale, assistenza nei rapporti con Oam, l’organismo di vigilanza, assistenza sui contratti tra agenti e gli stessi istituti di pagamento. Grazie al supporto di Confcommercio, siamo pronti ad organizzare corsi di formazione riconosciuti, a creare opportunità per la vendita di nuovi servizi e convenzioni, a organizzare fiere e un magazine tutto dedicato a questo settore”.

Esprime soddisfazione per la nascita di ConfAsp Federico Pieragnoli, direttore di ConfcommercioPisa: “il mercato sta cambiando rapidamente e con esso nascono nuove figure professionali. Competenza, professionalità, aggiornamento sono le parole del presente e del futuro e da parte nostra c’è la soddisfazione che questi professionisti abbiano scelto Pisa per iniziare un percorso di reciproca. Come per altri settori, il nostro intento è diventare un punto di riferimento in ambito nazionale”.

FONTE: Confcommercio

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami