fbpx

ANPR: conclusa la sperimentazione, parte per tutti i Comuni la trasmissione dei dati al Ministero

lentepubblica.it • 5 Giugno 2016

anagrafe unicaIl Ministero dell’Interno, con la circolare n. 6 del 16 maggio scorso, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla documentazione tecnica concernente le modalità di accesso e di utilizzo da parte dei comuni ai servizi resi disponibili dall’ANPR (registrazione, consultazione ed estrazione certificazione).

 

I comuni possono accedere all’ANPR attraverso due modalità: in modalità sito web di ANPR o in modalità web service. La scelta tra l’una o l’altra modalità di accesso al sistema ANPR, spiega il Ministero, non è esclusiva in quanto alcune funzionalità, sono disponibili esclusivamente nell’applicazione WEB ed è quindi possibile integrare una parte dei servizi di ANPR nei propri sistemi gestionali ed utilizzare anche l’applicazione WEB per altre funzionalità.

 

Giova ricordare che il Ministero, in precedenza, ha avviato con alcuni comuni una fase di sperimentazione diretta a verificare le funzionalità della nuova base dati nonché ad individuare soluzioni applicative a livello centrale che possano agevolare le operazioni di allineamento in tempo reale dei sistemi informativi locali con l’ANPR. Successivamente è stata pubblicata la documentazione tecnica concernente le modalità di accesso e di utilizzo da parte dei comuni ai servizi resi disponibili dall’ANPR (registrazione, consultazione ed estrazione certificazione).

 

Il subentro dell’ANPR alle anagrafi comunali avverrà entro l’anno secondo un piano definito sulla base dei criteri stabiliti (distribuzione geografica, dimensione demografica, livello di informatizzazione dei comuni e uniformità dei relativi sistemi informativi). Le prime scadenze sono previste per il mese di agosto, le ultime per il mese di novembre del 2016, le attività da svolgere sono numerose e molto impegnative per gli uffici demografici sempre congestionati da attività ordinarie e straordinarie (elezioni e referendum ad esempio).

 

La base dati comunale deve essere trasmessa dai comuni all’ANPR dopo aver effettuato una normalizzazione sui dati atta a ridurre a livello fisiologico le anomalie di informazioni presenti negli archivi municipali. Operazione tutt’altro che semplice vista l’esperienza rappresentata dagli uffici anagrafici che sono andati incontro negli anni a sostituzione di software, avvicendamento del personale, ricostruzione manuale degli archivi a seguito di deterioramento degli archivi.

 

Un supporto sicuramente utile per individuare le anomalie della propria base dati anagrafica prima di trasmetterla all’ANPR è fornito in rete dalla società Datanet srl di Tremestieri Etneo. Un software specifico offre il supporto alla analisi e normalizzazione dei dati consentendo di ridurre, drasticamente e in modo semplificato attraverso delle utility, ad una percentuale di errore fisiologicamente accettabile, prima di trasmettere i dati all’ANPR. Compilando il form on line sul sito della società può essere richiesta una consulenza gratuita sul nuovo software sviluppato per supportare gli Enti nella transizione al nuovo regime: http://www.datanetsrl.eu/anpr_smart/

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami