fbpx

Open Data Index: informazioni restano ancora poco accessibili

lentepubblica.it • 14 Gennaio 2015

L’Open Data Index 2014, pubblicato a dicembre dall’Open Knowledge, mostra che, nonostante alcuni progressi, la maggior parte dei governi ad oggi non fornisce informazioni chiave in un formato accessibile a cittadini e imprese. Nel complesso, mentre non vi era un miglioramento significativo nel numero di set di dati aperti (87-104), la percentuale di set di dati aperti in tutti i paesi esaminati è rimasta bassa, solo l’11%. Un forte danno non solo in termini di trasparenza. Come ha infatti recentemente stimato McKinsey e altri, i potenziali benefici a livello economico derivanti dall’apertura dei dati sono stimati oltre 1 trilione di dollari. Rufus Pollock, fondatore e presidente di Open Knowledge, al riguardo dichiara:” L’apertura dei dati da parte di un Governo sono una guida verso la democrazia, responsabilità e innovazione. Permette ai cittadini di conoscere ed esercitare i loro diritti, e porta benefici in tutta la società: trasporti, istruzione, salute. Mentre vi è stato un aumento del sostegno verso l’open data da parte dei governi negli ultimi anni, l’indice mostra che il progresso reale è spesso in ritardo rispetto la retorica.”

L’indice classifica i paesi in base alla disponibilità e accessibilità delle informazioni in dieci settori chiave, tra cui la spesa pubblica, i risultati elettorali, orari dei trasporti e livelli di inquinamento. Il Regno Unito è in cima all’indice 2014 mantenendo così la pole position con un punteggio complessivo di 96%, seguito dalla Danimarca e la Francia al numero 3, fino a 12 ° l’anno scorso. La Finlandia è quarta, mentre l’Australia e la Nuova Zelanda condividono il 5 ° posto. E l’Italia? Ci troviamo al 25 posto ed è nella spesa pubblica che registriamo la performance peggiore.

I migliori risultati sono stati registrati dall’India che dal 27esimo posto è salita al decimo a e dai paesi dell’America Latina come la Colombia e l’Uruguay che sono balzati alla 12esima posizione. Sierra Leone, Mali, Haiti e Guinea si trovano ai posti più bassi della classifica dei paesi valutati, tuttavia bisogna tener presente che ci sono molti altri paesi in cui i governi sono meno aperti, ma che non sono stati valutati a causa della mancanza di apertura o di una società civile non sufficientemente impegnata. Tuttavia anche tra i leader in materia di open data, vi è ancora un margine di miglioramento: gli Stati Uniti e la Germania, per esempio, non forniscono un registro aperto delle corporazioni. C’era anche un certo grado di apertura, comunque deludente, in materia di spesa pubblica con la maggior parte dei paesi sia omettendo di fornire informazioni a tutti o limitare le informazioni disponibili – solo due paesi su 97 (il Regno Unito e Grecia) ha ottenuto il massimo dei voti.

Non bisogna dimenticare come in un periodo di crescita lenta e costante di austerità in molti paesi, dare ai cittadini e alle imprese un accesso libero e aperto a questo tipo di dati sia un mezzo efficace per risparmiare denaro e migliorare l’efficienza di governo. Come ha dichiarato Rufus Pollock, i governi devono fare di più che mettere semplicemente un paio di fogli di calcolo on-line. Le informazioni devono essere facilmente trovate e capite, e dovrebbero essere in grado di utilizzarle liberamente, condividendole con chiunque, ovunque e per qualsiasi scopo.

 

 

 

FONTE: Forum PA

 

 

open-government-data_0

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami