Teresa Alvaro è il nuovo direttore generale dell’AgID: la scelta del Ministro Bongiorno

lentepubblica.it • 29 Agosto 2018

Novità negli snodi centrali della Pubblica Amministrazione Digitale: Teresa Alvaro è il nuovo direttore generale dell’AgID, scelta direttamente dal Ministro Bongiorno.


L’Agid, l’Agenzia Italiana per il Digitale, cambia direttore. Il nuovo direttore generale sarà Teresa Alvaro, scelta dal ministro ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno tra le 74 candidature esaminate seguendo l’apposito iter. Alvaro prende il posto di Antonio Samaritani, che ha lasciato l’incarico lo scorso luglio.

 

Per la valutazione delle 74 candidature pervenute è stata costituita una Commissione composta da tre esperti. La Commissione ne ha selezionati 9 sulla base dell’analisi del curriculum e li ha ulteriormente esaminati tramite colloquio individuale.

 

Chi è Teresa Alvaro?

 

Teresa Alvaro, nata nel 1954, e laureata in matematica, è stata precedentemente direttore alla Direzione centrale tecnologie per l’innovazione dell’Agenzia per le Dogane e dei Monopoli, ed è stata anche direttore dell’ufficio pianificazione ICT. Questo solo per citare alcuni degli importanti incarichi ricoperti. La dott.ssa Alvaro nel suo curriculum, inoltre, presenta 12 anni di servizio come responsabile informativo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

 

La dott.ssa Alvaro si insedierà subito dopo la registrazione da parte della Corte dei Conti entro 30 giorni dal decreto di nomina.

 

L’importanza dell’incarico

 

L’incarico è di un’importanza centrale per la PA italiana poiché l’AgID ha tra le sue funzioni (solo per citarne qualcuna):

 

  • emanazione di Linee guida contenenti regole, standard e guide tecniche, nonché di indirizzo, vigilanza e controllo in materia di agenda digitale, digitalizzazione della pubblica amministrazione, sicurezza informatica, interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informatici pubblici e quelli dell’Unione europea;
  • programmazione e coordinamento delle attività delle amministrazioni per l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • monitoraggio delle attività svolte dalle amministrazioni;
  • promozione della cultura digitale e della ricerca anche tramite comunità digitali regionali.

 

AgID svolge ogni altra funzione prevista da leggi e regolamenti già attribuita a DigitPA, all’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione nonché al Dipartimento per l’innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei ministri.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami