fbpx

Amnesty International: la débâcle del semestre italiano UE

lentepubblica.it • 5 Febbraio 2015

A poco più di un mese dalla conclusione del semestre italiano di presidenza dell’Unione europea, Amnesty International ha reso pubblico un documento di analisi su quanto fatto dalla presidenza italiana in materia di diritti umani durante i sei mesi di mandato.

A fine giugno, nelle sue “Raccomandazioni alla presidenza italiana dell’Unione europea“, Amnesty International aveva sottoposto all’Italia una serie di richieste, affinché la presidenza lavorasse con il Servizio per l’azione esterna dell’Unione europea al fine di assicurare l’effettiva applicazione del Quadro strategico e del piano di azione in materia di diritti umani e democrazia in tutti i settori delle politiche e delle azioni esterne. L’organizzazione per i diritti umani aveva anche chiesto all’Italia di incoraggiare gli stati membri a sviluppare una strategia complessiva sui diritti umani, complementare al Quadro strategico e al piano di azione, e di indirizzare al rispetto dei diritti umani le azioni politiche interne.

“Purtroppo l’Italia ha mancato un’importante occasione per promuovere una strategia complessiva europea sui diritti umani e per sviluppare azioni positive e di protezione in grado di assicurare il rispetto dei diritti umani da parte degli stati membri sul loro territorio” – ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice ad interim dell’Ufficio di Amnesty International presso le Istituzioni europee. “Questa strategia avrebbe consentito di identificare e superare le lacune esistenti nella protezione dei diritti umani e assicurare la centralità dei diritti umani in tutte le politiche dell’Unione europea”.

Nelle sue raccomandazioni, Amnesty International aveva chiesto all’Italia di avviare un profondo cambiamento nelle politiche e nelle prassi europee in materia d’immigrazione, esortando gli stati membri a uno sforzo congiunto per incrementare le capacità di ricerca e soccorso in mare e istituire percorsi sicuri, al fine di evitare che quanti scappano dalla violenza e dalla persecuzione non siano costretti a intraprendere viaggi pericolosi. L’organizzazione per i diritti umani aveva inoltre chiesto all’Italia di assicurare che le misure prese dall’Unione europea e dai suoi stati membri al fine di intraprendere cooperazione internazionale coi paesi terzi sul controllo dell’immigrazione fossero trasparenti e non determinassero o contribuissero a violazioni dei diritti umani.

“Invece, abbiamo constatato che il dibattito con i paesi terzi è stato dominato ancora una volta dall’esigenza di rafforzare la sicurezza delle frontiere piuttosto che dai bisogni reali dei migranti e dalle ragioni che costringono molte persone a scappare dal proprio paese” – ha affermato McGowan.

“Abbiamo preso nota dell’impegno della presidenza italiana a portare avanti il dialogo con i paesi di origine e di transito, in particolare con la quarta Conferenza ministeriale euro-africana, parte del processo di Rabat, e con il lancio della prima conferenza sul processo di Khartoum. Tuttavia, questi processi non sono sufficientemente trasparenti né radicati in un quadro di diritti umani e hanno coinvolto paesi terzi in cui si verificano gravi violazioni dei diritti umani e da cui molti rifugiati fuggono verso l’Europa, come Eritrea ed Etiopia” – ha aggiunto McGowan.

Nonostante Amnesty International avesse più volte chiesto di mantenere l’operazione Mare nostrum fino a quando non fosse sostituita da un intervento di simile portata e nonostante gli impegni presi pubblicamente in tal senso dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, l’operazione è stata chiusa il 31 ottobre 2014 e avvicendata dall’operazione Frontex denominata Triton.

“Abbiamo detto sin dall’inizio che l’operazione Triton, nella sua attuale formulazione, non offre nessuna garanzia per la tutela dei diritti dei migranti e rifugiati, in particolare per quanto riguarda le operazioni di ricerca e soccorso in mare. La chiusura di Mare nostrum sta mettendo a rischio la vita di coloro che, scappando da guerre, povertà e persecuzioni, attraversano il Mediterraneo con mezzi di fortuna” – ha commentato McGowan.

A fronte dell’aumento in tutto il continente di fenomeni di xenofobia e intolleranza contro le minoranze, in particolare nei confronti delle comunità rom, le persone Lgbti e i migranti, la presidenza italiana non ha incoraggiato abbastanza gli stati membri dell’Unione europea ad adottare e attuare una legislazione orizzontale antidiscriminazione, che avrebbe assicurato la protezione delle persone da ogni forma di discriminazione e di violenza, tra cui quelle basate su orientamento sessuale e identità di genere e l’odio razziale.

A livello domestico, Amnesty International ha sottolineato come il governo italiano non abbia intrapreso alcuna azione volta a contrastare la discriminazione e a tutelare i diritti delle comunità rom, che continuano a subire gravi violazioni dei diritti umani, in particolare il diritto a un alloggio adeguato. Scarse sono state infatti le misure messe in atto per favorire l’attuazione, a tutti i livelli, della “Strategia nazionale per l’inclusione di rom, sinti e camminanti” adottata dall’Italia nel 2012, come richiesto dalla stessa Direttiva antidiscriminazione.

Amnesty International ha espresso particolare disappunto per l’assenza di una pronta e decisa reazione, da parte della presidenza dell’Unione europea, alla pubblicazione da parte del Senato statunitense del rapporto sulle torture e le altre gravi violazioni dei diritti umani commesse nell’ambito del programma di detenzioni segrete e rendition della Cia.

“Ci rammarichiamo del fatto che siano state sistematicamente ignorate, per tutta la durata del semestre, le numerose richieste d’incontro al presidente del Consiglio Matteo Renzi e ai membri del suo governo, tra cui il ministro dell’Interno Alfano, il ministro della Giustizia Orlando, il nuovo ministro degli Affari esteri Gentiloni e il sottosegretario agli Affari europei Gozi, per illustrare le raccomandazioni alla presidenza italiana dell’Unione europea e per conoscere le eventuali azioni intraprese” – ha sottolineato Gianni Rufini, direttore di Amnesty International Italia.

“Il fatto che per sei mesi lo stato che detiene la presidenza di turno dell’Unione europea non senta la necessità d’incontrare la più grande organizzazione per i diritti umani o, almeno, di rispondere per iscritto alle sue richieste, è sconcertante e non ha molti precedenti. Non è troppo tardi per chiedere al governo italiano di far conoscere quale azione ha svolto in tema di diritti umani nel semestre di presidenza terminato a dicembre” – ha aggiunto Rufini.

Amnesty International ha indirizzato al governo della Lettonia, che il 1° gennaio 2015 ha avvicendato quello italiano alla presidenza europea, una nuova serie di raccomandazioni in materia di diritti umani. All’Italia, in quanto stato membro del Trio di presidenza, Amnesty International chiede di dare pieno sostegno alla Lettonia e successivamente al Lussemburgo nella realizzazione di tali raccomandazioni, per garantire che qualsiasi politica dell’Unione europea sia basata sul rispetto dei diritti umani.

 

 

 

FONTE: AgenParl – Agenzia Parlamentare per l’Informazione Politica ed Economica

AUTORE: Stefano Fani

 

 

 

amnesty international

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami