fbpx

Un appello per fermare i nuovi inceneritori

lentepubblica.it • 28 Agosto 2015

inceneritoriIn vista della conferenza Stato-Regioni, che nella riunione del 9 settembre prossimo esaminerà il Decreto del 29/07/2015 in attuazione dell’Art. 35 del D.L. 133/2014 (“Sblocca Italia”), che prevede la realizzazione di 12 nuovi impianti inceneritori di rifiuti sul territorio nazionale, l’Associazione Comuni Virtuosi ha inviato a tutti i Presidenti di Regione una lettera aperta per chiedere loro di impugnare il provvedimento.

 

La strategia nazionale di gestione dei rifiuti non può e non deve più passare dall’incenerimento e quindi dagli impianti inceneritori, ma puntare dritto verso quell’economia circolare di cui l’Europa discute da tempo e che vede il nostro Paese in grande ritardo.

 

La Direttiva CE 98/2008 stabilisce una precisa gerarchia nella gestione dei rifiuti, che vede solo al penultimo posto e come estrema ratio la possibilità del recupero energetico derivante dalla combustione dei materiali post consumo. In Italia, non si capisce il perché, si fa esattamente il contrario, stravolgendo l’ordine delle cose e mettendo in fondo agli obiettivi da conseguire la prevenzione, la riduzione e la differenziazione dei rifiuti.

 

Le centinaia di esperienze virtuose in piccoli e grandi centri del Paese sono però lì a dimostrare che il re è nudo: se tutti seguissero le tante eccellenze che vengono portate avanti a livello locale ormai da anni, l’Italia smetterebbe di pagare sanzioni e multe e potrebbe chiudere, una volta per tutte, con l’illogica gestione che brucia e sotterra materiali preziosi.

 

In allegato il testo della lettera firmata da Bengasi Battisti, presidente dell’Associazione.

Fonte: Associazione dei Comuni Virtuosi
avatar
  Subscribe  
Notificami