fbpx

I nuovi Criteri Ambientali Minimi per l’Illuminazione Pubblica

lentepubblica.it • 20 Ottobre 2017

illuminazione pubblica cataniaNella Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18 ottobre 2017 – Suppl. Ordinario n. 49 è stato pubblicato il decreto 27 settembre 2017 del Ministero dell’Ambiente recante “Criteri Ambientali Minimi per l’acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l’acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l’affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica”.


Il documento definisce i criteri ambientali minimi – CAM – che, ai sensi del D.lgs 50/2016, le Amministrazioni pubbliche debbono utilizzare nell’ambito delle procedure d’acquisto di:

 

  • sorgenti di illuminazione per illuminazione pubblica,
  • apparecchi d’illuminazione per illuminazione pubblica,

 

e nel caso di affidamento del servizio di progettazione di impianti.

 

Non rientrano nell’oggetto di questo documento:

 

  • pali, strutture di sostegno ed ogni altro tipo di supporto degli apparecchi,
  • gallerie, o parcheggi privati ad uso privato, – aree private a uso commerciale o industriale, – campi sportivi, o monumenti, edifici, alberi, ecc. (illuminazione artistica).

 

I criteri ambientali definiti in questo documento rappresentano il livello minimo delle prestazioni ambientali da raggiungere. Ciò significa che le Amministrazioni che hanno obiettivi più ambiziosi di rispetto e protezione dell’ambiente possono decidere di utilizzare, per tutti o per alcuni criteri, livelli più restrittivi, fermo restando il rispetto delle altre specifiche tecniche definite in questo documento per i rimanenti criteri.

 

Ai sensi del D.lgs 50/2016, artt. 34 e 71, le Amministrazioni pubbliche, nell’acquisizione di sorgenti o apparecchi per illuminazione pubblica e nell’affidamento dell’incarico di progettazione di impianti di illuminazione pubblica, per qualunque importo e per l’intero valore delle gare, sono tenute ad utilizzare almeno le specifiche tecniche e le clausole contrattuali definite nel presente documento ed a tener conto dei criteri ambientali premianti, definiti nello stesso documento, come elementi per la valutazione e l’aggiudicazione delle offerte.

 

 

In allegato il testo completo del documento.

 

 

 

Fonte: Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana
avatar
  Subscribe  
Notificami