fbpx

Disponibile sotware per diagnosi energetica edifici gratis

lentepubblica.it • 17 Febbraio 2015

ENEA lancia SEAS, il software gratis per la diagnosi energetica degli edifici a disposizione di tutti gli operatori pubblici e privati del settore.

Reso disponibile sul sito ENEA il software professionale gratuito SEAS (Software Energetico per Audit Semplificati) che consente di effettuare in maniera semplice ed immediata la diagnosi energetica edifici. Lo strumento è stato sviluppato in collaborazione con l’Università di Pisa, nell’ambito dell’Accordo di Programma tra Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ed ENEA per la Ricerca di Sistema Elettrico Nazionale.

A renderlo noto è stata la stessa ENEA, sottolineando che il tool è aggiornato con le più recenti normative e, grazie alla sua flessibilità nell’inserimento dei dati, può essere utilizzato tanto per l’edilizia residenziale, quanto per gli immobili professionali come studi ed uffici, quanto a scuole e ospedali.

 

SEAS

Il software consente di calcolare i consumi energetici degli edifici legati a servizi come il riscaldamento, la produzione di acqua calda sanitaria e l’illuminazione. Quindi grazie a SEAS possono essere svolte, mediante simulazione, analisi costi-benefici dei possibili interventi di riqualificazione energetica. Il tutto in maniera semplice ed intuitiva, grazie all’interfaccia grafica studiata appositamente per facilitare il compito dei professionisti del settore, come spiega Gaetano Fasano, dell’Unità Efficienza Energetica dell’ENEA:

«SEAS è uno strumento a disposizione di professionisti e operatori per far fronte agli adeguamenti richiesti dal quadro normativo vigente e rispondere con efficacia alla domanda di mercato per l’efficienza energetica che è in continua crescita, in modo particolare nel settore degli edifici della Pubblica Amministrazione».

SEAS è scaricabile da parte di tutti gli operatori pubblici e privati del settore direttamente dal sito dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, dopo aver compilato un semplice modulo con i propri dati.

 

 

 

FONTE: PMI (www.pmi.it)

AUTORE: Francesca Vinciarelli

 

 

comuni

 

 

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami