Impianti rinnovabili non fotovoltaici: modalità di rimodulazione degli incentivi

lentepubblica.it • 26 Dicembre 2014

Il GSE (Gestore Servizi Energetici) ha pubblicato sul suo sito le modalità di comunicazione per usufruire della rimodulazione degli incentivi per gli impianti alimentati da fonti di energia rinnovabili (FER) diversi dal fotovoltaico.

Il Decreto Legge n. 145 del 23 dicembre 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 9 del 21 febbraio 2014 (nel seguito DL 145/2013) stabilisce, all’art. 1, comma 3, che “i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili titolari di impianti che beneficiano di incentivi sotto la forma di certificati verdi, tariffe omnicomprensive ovvero tariffe premio possono, per i medesimi impianti, in misura alternativa:

  1. continuare a godere del regime incentivante spettante per il periodo di diritto residuo. In tal caso, per il periodo di dieci anni decorrenti dal termine del periodo di diritto al regime incentivante, interventi di qualunque tipo realizzati sullo stesso sito non hanno diritto di accesso ad ulteriori strumenti incentivanti, incluso ritiro dedicato e scambio sul posto, a carico dei prezzi o delle tariffe dell’energia elettrica;
  2. optare per una rimodulazione dell’incentivo spettante, volta a valorizzare l’intera vita utile dell’impianto. In tal caso a decorrere dal primo giorno del mese successivo al termine di cui al comma 5 dello stesso art. 1, il produttore accede ad un incentivo ridotto di una percentuale specifica per ciascuna tipologia di impianto, definita con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con parere dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, da applicarsi per un periodo rinnovato di incentivazione pari al periodo residuo dell’incentivazione spettante alla medesima data incrementato di 7 anni […].” [di seguito “opzione b)”]

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 6 novembre 2014 (di seguito “Decreto 6 novembre 2014”), pubblicato in G.U. il 18 novembre 2014, definisce le modalità di rimodulazione degli incentivi previsti per impianti a fonti rinnovabili esistenti, diversi da quelli fotovoltaici, i cui titolari (nel seguito, Soggetti Responsabili) decidano di aderire all’opzione di cui all’articolo 1, comma 3, lettera b) del DL 145/2013.

In conformità a quanto previsto dall’art. 3, comma 1, del Decreto 6 novembre 2014 il Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A. (di seguito “GSE”) con le presenti Istruzioni operative, indica le modalità di comunicazione della richiesta di adesione al regime di incentivazione di cui all’art. 1, comma 3, lettera b) del DL 145/2013.

Il GSE si riserva di aggiornare le presenti Istruzioni a seguito di eventuali evoluzioni normative e sulla base dell’esperienza acquisita nella gestione operativa.

 

 

Consulta l’allegato: Istruzioni Operative impianti non fotovoltaici

 

 

FONTE: GSE – Gestori Servizi Energetici

 

 

 

bando edifici

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami