Edilizia Scolastica: decreto su utilizzo 8 per mille IRPEF

lentepubblica.it • 3 Dicembre 2014

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente della Repubblica 17 novembre 2014, n. 172 con modifiche ed integrazioni in materia di criteri e procedure per l’utilizzazione della quota dell’8 per mille dell’Irpef devoluta alla diretta gestione statale.

Per accedere alla ripartizione della quota possono presentare domanda le amministrazioni statali, il Fondo edifici di culto e gli enti locali territoriali proprietari di immobili adibiti all’istruzione scolastica.

Si ricorda che il termine di presentazione delle istanze per la concessione del contributo dell’8 per mille scade il prossimo 15 dicembre.

E’ stato prorogato dal 30 settembre al 15 dicembre 2014 il termine di presentazione delle istanze per la concessione del contributo dell’8 per mille.

Si ricorda che il 30 ottobre scorso 2014 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri lo schema di regolamento che riguarda i criteri e le procedure per l’utilizzazione della quota dell’otto per mille dell’IRPEF devoluta alla diretta gestione statale. La novità è che il Governo, facendo riferimento a quanto previsto dalla legge di stabilità per il 2014, ha previsto che l’8 per mille venga impiegato anche per la scuola.

Alle quattro tipologie iniziali, conservazione dei beni culturali, calamità naturali, assistenza ai rifugiati e fame nel mondo, si è aggiunta la quinta tipologia sul tema della scuola costituita da “ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica”.

Lo schema di regolamento, attualmente all’esame del Parlamento, sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale dove sarà resa disponibile la modulistica per la presentazione della domanda.

Il decreto in questione, recependo quanto previsto dalla legge di stabilità per il 2014, prevede che l’edilizia scolastica sia compresa tra i soggetti beneficiari delle risorse.

Potranno usufruire dell’agevolazione le opere relative alla conservazione dei beni culturali, calamità naturali, assistenza ai rifugiati e fame nel mondo, si è aggiunta la quinta tipologia sul tema della scuola costituita da “ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica”.

 

 

FONTE: ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani

 

 

 

edilizia scolastica

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami