lentepubblica

Acquisti in Rete PA: ecco tutte le FAQ sulla nuova piattaforma

lentepubblica.it • 16 Giugno 2022

acquisti-in-rete-pa-faq-nuova-piattaformaDisponibili tutte le FAQ relative alla nuova piattaforma revisionata destinata agli Acquisti in Rete della PA.


Dallo scorso 26 maggio, è stata introdotta la nuova Piattaforma di e-Procurement DAG/Consip.

La nuova piattaforma di Acquisti in Rete PA permetterà alle amministrazioni e alle imprese di operare in modo più semplice.

Nelle ultime settimane, infatti, MePA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) e SDA (Sistema Dinamico di Acquisizione) hanno introdotto rilevanti novità sulla loro piattaforma.

Sono tre i principali cambiamenti:

  • Nuova architettura: l’architettura applicativa della piattaforma è stata, infatti, rivista secondo standard più moderni, per incrementare l’integrazione e l’interoperabilità coi sistemi esterni;
  • Miglioramento esperienza utente: le novità permettono una maggiore fruibilità del sistema;
  • Semplificazione e configurazione: maggiore semplificazione nell’utilizzo, grazie a nuove funzioni.

Per maggiori informazioni sulle novità potete consultare questo articolo.

Acquisti in Rete PA: ecco tutte le FAQ sulla nuova piattaforma

Qui di seguito potete consultare le FAQ principali riguardanti le Pubbliche Amministrazioni e le Imprese.

Alla fine dell’articolo potete consultare, per maggiori informazioni, le FAQ al completo.

Recupero credenziali

D: Ho dimenticato la password. Come posso recuperarla?

R: Per recuperare la password, selezionate il link in alto a destra del portale “Accedi” > “Password dimenticata?”.

In seguito viene richiesto di inserire obbligatoriamente utenza, codice fiscale e indirizzo email.

Successivamente il sistema invierà sulla casella di posta elettronica del richiedente una password provvisoria che potrà essere modificata al primo accesso.

Rilevanza risultati di ricerca acquisti-in-rete-pa-faq-nuova-piattaforma-domande

D: Cosa si intende per ordinamento per rilevanza dei risultati della ricerca?

R: Nella visualizzazione dei risultati della ricerca, sia nelle aree informative sia sul catalogo, è stato introdotto anche l’ordinamento per RILEVANZA, che si affianca alle altre modalità fino ad ora utilizzate.

Tale organizzazione dei dati, realizzata utilizzando l’algoritmo BM25F (*) messo a disposizione dal motore di ricerca Exalead, consente di individuare, con un approccio probabilistico, i risultati maggiormente pertinenti all’interrogazione effettuata. Nell’ordinamento per RILEVANZA, i risultati vengono quindi presentati sulla base del coefficiente di rilevanza e del punteggio attribuito dall’algoritmo di calcolo.

I fattori considerati per stabilire tali coefficienti sono molteplici e valutano il numero di occorrenze dei termini ricercati (sia in valore assoluto sia rispetto alle dimensioni complessive del testo e del dominio di riferimento), la loro vicinanza nel testo, la loro presenza nei campi ritenuti più significativi degli altri, o ancora, l’esclusione dei termini troppo ricorrenti, considerati quindi irrilevanti.

Al posizionamento in elenco, non determinabile preventivamente, concorrono inoltre anche elementi come la qualità e la coerenza delle informazioni.

(*) Okapi BM25F (BM è l’acronimo di Best Matching) è un algoritmo utilizzato dai motori di ricerca per classificare i documenti corrispondenti in base alla loro rilevanza rispetto ad una stringa ricercata. Si basa sul quadro probabilistico di recupero sviluppato negli anni ’70 e ’80 da Stephen E. Robertson, Karen Spärck Jones e altri.

Applicazione marca da bollo

D: Per gli ordini e negoziazioni stipulati sul Mercato elettronico, è necessaria l’applicazione della marca da bollo?

R: Sì, secondo un parere dell’Agenzia delle Entrate (risposta n. 370 del 10 settembre 2019) i contratti stipulati sul MePA sono riconducibili ai contratti conclusi attraverso scrittura privata. Per questo motivo, tali contratti sono soggetti al pagamento dell’imposta di bollo.

Browser supportati

D: Quali browser supportano la piattaforma Acquisti in rete?

R: Si possono utilizzare alternativamente uno dei seguenti browser:

  • Microsoft Edge
  • Mozilla Firefox 10 o superiore
  • Google Chrome 41.0.2272 o superiore

Tipologia di firma digitale richiesta

D: Che tipo di firma digitale devo avere per poter operare su Acquisti in rete?

R: Risulta possibile utilizzare qualsiasi firma digitale, acquistata presso uno dei Prestatori di servizi fiduciari qualificati.

 L’elenco è reperibile sul sito dell’AGID – Agenzia per l’Italia digitale – https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/firma-elettronica-qualificata/prestatori-servizi-fiduciari-qualificati.

Chi volesse invece verificare la validità della tua firma, può cliccare su https://help.infocert.it/Tools/verificafirmadigitale ed effettuare il test caricando un documento già firmato digitalmente.

Firma digitale scaduta

D: Nel caso di presenza di un’offerta con una firma digitale scaduta, l’impresa viene esclusa dalla gara?

R: L’esclusione si ha nel caso in cui il certificato di firma digitale risulti scaduto nel momento in cui viene firmato digitalmente il documento. Su tutti i documenti per i quali è richiesta obbligatoriamente la firma digitale, il Sistema verifica una serie di parametri:

  • apposizione della firma
  • legittimità dell’Ente Certificatore che ha rilasciato la firma
  • data di scadenza della firma
  • completezza delle informazioni anagrafiche associate alla firma
  • corrispondenza tra il codice fiscale degli utenti registrati sulla piattaforma con quello presente
  • infine, presenza del numero di serie del certificato nelle Liste di Revoca

I controlli sulla firma effettuati dal sistema segnalano l’esito negativo della verifica attraverso un semaforo rosso in corrispondenza del documento.

Iscrizione Camera di Commercio

D: Per l’abilitazione ai bandi del Mercato Elettronico è necessario che il fornitore sia iscritto alla Camera di Commercio?

R: No, i bandi sono aperti a tutti gli operatori economici, compresi i liberi professionisti.

acquisti-in-rete-pa-faq-nuova-piattaforma-controlliControlli sulle dichiarazioni dei fornitori

D: Vengono effettuati controlli sulle dichiarazioni rilasciate dai fornitori?

R: Consip effettua controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese in fase di abilitazione al MePA.

In particolare, il controllo riguarda i seguenti ambiti:

  • non sussistenza di motivi di esclusione previsti dall’art. 80 del D. Lgs. n. 50/2016 e s.m.i
  • rispetto dei requisiti soggettivi e oggettivi richiesti per l’abilitazione

Le modalità di controllo sono:

  • a campione: trimestralmente viene individuato un campione di imprese abilitate le cui autocertificazioni sono sottoposte a verifica di veridicità, anche tramite accertamenti presso le Autorità/Amministrazioni competenti (INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, casellario giudiziale presso la Procura della Repubblica, Albi e Registri pubblici, etc.);
  • su segnalazione: i controlli sono effettuati sulle autocertificazioni presentate e per le quali sussiste un fondato sospetto sulla veridicità delle stesse, emerso in conseguenza di segnalazioni puntuali effettuate da soggetti che operano sugli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A.

Anche in questo caso, ove richiesto, vengono effettuate verifiche presso le Autorità/Amministrazioni competenti.

Informazioni sulla Fatturazione Elettronica

D: Dove sono reperibili tutte le informazioni sulla fatturazione elettronica?

R: Tutte le informazioni utili sulle tematiche, la normativa di riferimento, la documentazione tecnica sulla fattura elettronica, le modalità di trasmissione e i servizi di supporto e assistenza, sono disponibili su www.fatturapa.gov.it, un sito dedicato esclusivamente alla fatturazione elettronica verso le Pubbliche Amministrazioni.

Per richiedere supporto di natura informativa è possibile utilizzare il form on-line disponibile sul medesimo sito o in alternativa contattare il numero verde 800 299 940.

Dove trovare tutte la FAQ?

Potete consultare qui tutte le FAQ concernenti il niovo sistema per gli Acquisti in Rete PA.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto Cislaghi
Roberto Cislaghi
17 Giugno 2022 8:28

Il vero problema è che dal 26/5 ad oggi non ho visto transitare una rdo. Inoltre la pubblicazione di un catalogo comporta un calvario per errori alla piattaforma che di fatto in un mese non ha mai funzionato. 1 mese di transazioni ferme comporta perdite rilevanti per gli operatori economici e ritardi esagerati per le P.A. che ci chiamano dicendo di non riuscire ad operare. Quindi di fronte a un disastro palese a tutti questo articolo a cosa serve ???

Carlo
Carlo
Reply to  Roberto Cislaghi
17 Giugno 2022 9:16

concordo pienamente con Lei, anni ed anni di lavoro buttati, oltre 20000 prodotti pubblicati sul catalogo svaniti, vane attese per parlare con gli operatori del numero verde, a pagamento per le imprese, che quando e se rispondono ti dicono tutto ed il contrario di tutto o troncano la comunicazione perchè non sanno più cosa rispondere. Disastro è il termine corretto, una vergogna!