Denunce via web all’Arma dei Carabinieri: come funzionano?

lentepubblica.it • 26 Marzo 2021

denunce-via-web-carabinieriL’emergenza Covid impatta in maniera negativa anche sulle richieste di aiuto da parte dei cittadini alle forze dell’Ordine.


Per questo motivo l’Arma dei Carabinieri ha deciso di implementare maggiormente e di diffondere capillarmente la conoscenza per i cittadini di un servizio online dedicato alle denunce via web.

Scopriamone di più.

Che cosa si intende per denuncia?

La denuncia da parte dei privati è l’atto con il quale ogni persona porta a conoscenza dell’autorità – pubblico ministero o ufficiale di polizia giudiziaria (e non anche un agente) – un reato perseguibile d’ufficio del quale ha notizia.

Nella generalità dei casi la denuncia è facoltativa ed è obbligatoria nei casi espressamente previsti dalla legge.

La denuncia può essere presentata in forma orale o scritta. Nel primo caso l’ufficiale di polizia giudiziaria – o il pubblico ministero – redige verbale, mentre nel secondo l’atto dovrà essere sottoscritto dal denunciante o da un suo procuratore legale. Per la denuncia da parte dei privati non è previsto un contenuto formale tipico e il denunciante può limitarsi alla semplice esposizione del fatto.

Quando la denuncia è facoltativa non è previsto alcun termine per la sua presentazione, mentre nei casi di denuncia obbligatoria apposite disposizioni stabiliscono il termine entro il quale essa deve essere fatta.

La persona che presenta una denuncia ha diritto di ottenere attestazione della ricezione.

Un servizio online dell’Arma, inoltre, consente di presentare alcune denunce anche via web.

Denunce via web all’Arma dei Carabinieri

Come funzionano nello specifico le funzionalità via web per le denunce?

L’Arma dei Carabinieri, in tal senso, ha predisposto un servizio per i cittadini: “Denuncia vi@ Web”.

Il servizio risulta utile per la presentazione di denunce di smarrimento o di furto ad opera di ignoti, utilizzabile da tutta Italia.

Da casa, via pc o smartphone, dall’ufficio o da qualunque luogo ove sia disponibile un accesso ad internet, potete avviare l’iter per sporgere una denuncia di furto o smarrimento, risparmiando tempo.

Infatti all’atto della presentazione presso la Stazione/Tenenza scelta il citadino troverà una corsia preferenziale, avendo già espletato alcune incombenze necessarie.

Specifiche del Servizio

L’Arma dei Carabinieri informa che al momento, possono essere ricevute soltanto le denunce di smarrimento e di furto ad opera di ignoti per i seguenti oggetti:
  • arma;
  • documento;
  • targa;
  • titolo/effetto;
  • veicolo;
  • altro.

Procedura

Per usufruire del servizio basta andare sul sito www.carabinieri.it e quindi sulla pagina “Denuncia vi@ Web“.

Al termine della procedura, il sistema rilascerà una ricevuta contenente un “codice identificativo” ed un “codice di attivazione” della denuncia, che dovrete presentare, entro 2 giorni, al Comando Stazione / Tenenza prescelto o, per sopraggiunte vostre esigenze, presso altro Comando.

Al vostro indirizzo di posta elettronica, inoltre, riceverete dal Comando Carabinieri attivato un messaggio di conferma o di rettifica dell’orario e della data di preferenza da voi indicati per recarvi presso quel reparto per sottoscrivere l’atto, dandogli così valore legale. In quella sede, potrete anche effettuare modifiche e/o integrazioni alla denuncia.

Per sapere dov’è la Stazione / Tenenza più vicina consultate il servizio “Dove siamo“.

Il video informativo

Come avevamo anticipato l’Arma dei Carabinieri, per aiutare i cittadini in emergenza Covid, ha diffuso sul proprio canale Youtube anche in video informativo per i cittadini.

Qui di seguito potete visualizzare il video informativo dell’Arma dei Carabinieri.

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Gianfranco Bressi
Gianfranco Bressi
27 Marzo 2021 12:39

I Carabinieri non si smentiscono. Fai la denuncia on line però poi devi andare da loro a firmarla e quindi l’utilità di farla da casa dov’è? Potevano chiedere di allegare la copia del documento d’identità o di fare la denuncia tramite PEC.