fbpx

Fondo STARTER, Emilia Romagna lancia finanziamenti alle Nuove Imprese

lentepubblica.it • 17 Ottobre 2019

fondo-starter-emilia-romagnaUn’opportunità promossa dalla Regione Emilia-Romagna e finalizzata al sostegno della nuova imprenditorialità.


Fondo STARTER, Emilia Romagna: un fondo rotativo di finanza agevolata a compartecipazione privata. Che finanzia progetti attraverso la concessione di mutui di importo fino a € 300.000, durata massima 96 mesia tasso zero per il 70% dell’importo ammesso, e ad un tasso convenzionato non superiore all’EURIBOR 6 mesi +4,75% per il restante 30%.

I progetti devono essere orientati a:

  • innovazione produttiva e di servizio;
  • e sviluppo organizzativo;
  • messa a punto dei prodotti e servizi che presentino potenzialità concrete di sviluppo;
  • e consolidamento e creazione di nuova occupazione sulla base di piani industriali;
  • infine introduzione ed uso efficace di strumenti ICT, nelle forme di servizi e soluzioni avanzate, con acquisti di soluzioni customizzate di software e tecnologie innovative per la manifattura digitale.

I beneficiari dell’intervento sono le piccole imprese che:

  • siano iscritte al Registro Imprese da non più di 5 anni dalla data di presentazione della domanda;
  • e abbiano localizzazione produttiva in Emilia-Romagna (dove si realizza l’investimento);
  • siano attive all’atto di richiesta di erogazione del finanziamento;
  • e abbiano l’attività principale compresa nelle sezioni della classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) tra cui i “Servizi di informazione e comunicazione”, “Attività professionali, scientifiche e tecniche”, “Istruzione”.

A titolo puramente esemplificativo potranno essere finanziate le seguenti tipologie di interventi:

  • investimenti in innovazione produttiva e di servizio, sviluppo organizzativo, messa a punto dei prodotti e servizi da parte di piccole imprese che presentino potenzialità concrete di sviluppo, consolidamento e creazione di nuova occupazione sulla base di piani industriali, prioritariamente negli ambiti della S3, anche attraverso percorsi di rete;
  • e introduzione e uso efficace nelle piccole imprese di strumenti ICT nelle forme di servizi e soluzioni avanzate con acquisti di soluzioni customizzate di software e tecnologie innovative per la manifattura digitale.

Tra le spese ammissibili si individuano le seguenti tipologie:

  • interventi su immobili strumentali: acquisto, ampliamento e/o ristrutturazione;
  • e acquisto di macchinari, attrezzature, hardware e software, arredi strettamente funzionali;
  • acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento;
  • e spese per partecipazione a fiere e interventi promozionali;
  • consulenze tecniche e/o specialistiche;
  • e spese del personale adibito al progetto;
  • materiale e scorte;
  • spese locazione dei locali adibito ad attività (risultante da visura come sede principale/unità locale);
  • e infine spese per la produzione di documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda (a titolo esemplificativo redazione di business plan).

È finanziabile il 100% del progetto presentato. La domanda può essere presentata entro le ore 16.00 del 28 novembre, attraverso procedura online con firma digitale.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito ufficiale EmiliaRomagnaSTARTUP al seguente link

Fonte: ANORC
avatar
  Subscribe  
Notificami