Piano Triennale Informatica nella PA: il questionario della Corte dei Conti

lentepubblica.it • 6 Settembre 2019

https://www.lentepubblica.it/wp-content/uploads/2019/09/piano-triennale-informatica-pa-questionario-corte-conti.jpgTutte le Amministrazioni coinvolte sono tenute a procedere alla compilazione: ecco quando scadono i termini per il Questionario per la valutazione dello stato di attuazione del Piano Triennale per l’informatica nella PA.


Piano Triennale Informatica nella PA: questionario Corte dei Conti deve essere compilato dalle Amministrazioni entro il termine di scadenza.

L’indagine si propone di fornire al Parlamento una fotografia sullo stato di attuazione dell’Agenda digitale da parte delle Amministrazioni territoriali (Comuni, Province, Città metropolitane, Regioni e Province autonome). E richiamando, al contempo, l’attenzione di tutte le Amministrazioni coinvolte sulla necessità di portare a compimento le attività operative.

Attività indicate all’interno del Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione 2017-2019.

Piano Triennale Informatica PA: il questionario della Corte dei Conti

Le attività operative del Piano rappresentano degli step propedeutici alla realizzazione dell’Agenda Digitale italiana.

Un obiettivo strategico per l’intero Paese, per raggiungere il quale occorre il contributo di tutte le Amministrazioni Pubbliche. E il fine ultimo dell’attuazione della trasformazione digitale è quello di migliorare la qualità e la quantità dei servizi resi al cittadino, con maggiore efficienza a fronte di risparmi di spesa.

Il Questionario è diviso in due parti: Scheda Anagrafica e Questionario di rilevamento.

Scheda Anagrafica

Questa scheda è necessaria ai fini della raccolta dei dati anagrafici, e questa parte attiva la procedura di invio del link che contiene il token per accedere alla compilazione della seconda parte.

Questionario di Rilevamento

Questa sezione è composta dalle seguenti sezioni:

  1. Gestione del Cambiamento: contiene la richiesta di informazioni relative all’organizzazione interna dell’ICT dell’Ente;
  2. Infrastrutture fisiche – Connettività: contiene la richiesta di informazioni relative alle utenze attive e alla tipologia di connessione alla rete Internet;
  3. e Infrastrutture fisiche – “Cloud e Data Center” – Mappatura dei servizi e degli applicativi: contiene la richiesta di informazioni relative al patrimonio applicativo dell’Ente;
  4. inoltre Infrastrutture fisiche – “Cloud e Data Center” – Percezione del Cloud: contiene la richiesta di informazioni relative alla valutazione dei servizi di Cloud Computing;
  5. e Infrastrutture fisiche – “Cloud e Data Center” – Programma di abilitazione al Cloud: contiene la richiesta di informazioni e valutazioni relative all’eventuale utilizzo dei servizi Cloud;
  6. Infrastrutture fisiche – “Cloud e Data Center” – Mappatura competenze del Team ICT: contiene la richiesta di informazioni relative al livello di competenza del Team ICT;
  7. e Infrastrutture immateriali – Piattaforme abilitanti: contiene informazioni relative all’accesso ai servizi tramite SPID, al rilascio di documenti di identità, al subentro in ANPR, all’utilizzo di servizi per le PA;
  8. Infrastrutture immateriali – Open data, basi dati di interesse nazionale: contiene informazioni relative all’utilizzo di basi di dati di interesse nazionale e al rilascio di open data;
  9. e Infrastrutture immateriali – Riuso del Software: contiene informazioni relative all’utilizzo e allo sviluppo di programmi informatici;
  10. Offerta di servizi online: contiene informazioni relative ai servizi online resi disponibili dall’Ente;
  11. e Mobile Government: contiene informazioni relative ai punti di accesso wifi, alle applicazioni per smartphone e tablet, ai servizi di monitoraggio;
  12. inoltre Formazione dei dipendenti: contiene informazioni relative alla formazione acquisita dai dipendenti in merito all’ICT, ai processi di eGovernment e allo svolgimento delle funzioni ad essi collegate;
  13. e infine Servizi di assistenza: contiene informazioni relative all’organizzazione e all’erogazione di servizi di assistenza, hardware e software, forniti dall’Ente.

A questa seconda parte si accede tramite il link che contiene il token.

Come si compila?

Il processo che ogni Amministrazione dovrà seguire è il seguente:

  • l’Amministrazione individua, al proprio interno, un dipendente o un collaboratore quale Referente del Questionario, per accedere ai servizi di compilazione e creare un canale per eventuali contatti con l’Helpdesk o direttamente con la Corte dei conti.
  • e in seguito l’Amministrazione, tramite la persona che ha identificato come Referente, accede con autenticazione SPID alla prima parte del Questionario (Scheda Anagrafica), tramite il pulsante in alto a destra “Entra con SPID”. Tutti i campi di questa parte sono obbligatori.
  • e poi a cura del Referente viene compilato ed inviato il blocco informativo dell’Anagrafica. NON SONO NECESSARIE ALTRE COMUNICAZIONI (tramite email, PEC o altri sistemi) né alla Sezione delle autonomie, né all’URP della Corte dei conti.
  • e all’indirizzo PEC, inserito a cura dell’Amministrazione nella Scheda Anagrafica, viene inviato il link contenente il token.
  • e l’Amministrazione accede tramite SPID al link e compila il Questionario. Durante la compilazione è possibile entrare/uscire dal Questionario, sempre tramite il link contenente il token.
  • infine quando la compilazione è terminata, l’Amministrazione può stampare e inviare i dati inseriti. Il Questionario verrà chiuso e non sarà più possibile rientrarvi.

Quando scade?

L’indagine conoscitiva riguarderà oltre 8mila Enti.

Il completamento del caricamento dei dati richiesti e l’invio devono avvenire improrogabilmente entro il termine ultimo del 30 settembre 2019.

Tutte le Amministrazioni coinvolte sono tenute a procedere alla compilazione e all’invio del Questionario.

L’accesso al Questionario sarà possibile esclusivamente attraverso il web con credenziali di accesso SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Poiché le credenziali SPID sono riferite alla singola persona fisica è necessario che ogni Ente individui le persone incaricate di procedere alla compilazione del Questionario. E che queste provvedano a munirsi di SPID, qualora non ne siano già in possesso.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami