Anticipo TFS Dipendenti Pubblici: l’accordo è in Gazzetta Ufficiale

lentepubblica.it • 9 Settembre 2020

anticipo-tfs-dipendenti-pubblici-gazzetta-ufficialeFinalmente arriva l’ufficialità, una notizia tanto attesa dai dipendenti statali.


Anticipo TFS Dipendenti Pubblici: l’accordo (il testo è disponibile in fondo alla pagina) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Disponibile anche la modulistica completa.

Adesso si potrà davvero dare via libera alle procedure, dopo la ratifica dell’accordo quadro sottoscritto dalla Funzione Pubblica con l’ABI.

Ecco tutti i dettagli e il testo completo dell’accordo sul trattamento di fine servizio.

Che cos’è il Trattamento di Fine Servizio?

Il trattamento di fine servizio (TFS), in Italia è una indennità corrisposta, alla fine del rapporto di lavoro, ai dipendenti pubblici statali assunti prima del 1º gennaio 2001. Per i dipendenti degli enti locali è talvolta detta “indennità di fine servizio”.

L’indennità è disciplinata dal Decreto del presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1032.

A chi spetta?

In buona sostanza il Trattamento di Fine Servizio è l’indennità che viene erogata, al momento della cessazione dal servizio, nei confronti dei dipendenti del settore pubblico assunti a tempo indeterminato prima del 1° gennaio 2001.

Comprende inoltre i Dipendenti Pubblici che non abbiano optato per il Fondo Pensione Complementare di categoria Espero per Scuola e AFAM e Perseo Sirio per tutti gli altri.

Pertanto chi ha prestato servizio presso un ente pubblico, ed è stato assunto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, ha diritto ad una delle diverse tipologie di liquidazione in base al settore di appartenenza.

Non rientra nel TFS il cosiddetto personale pubblico “non contrattualizzato”. Il personale appartenente ai “Non contrattualizzati” è costituito dagli amministrati i cui contratti lavorativi non sono regolati da un Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL).

Anticipo TFS Dipendenti Pubblici: in Gazzetta Ufficiale l’accordo quadro

Infatti in Gazzetta Ufficiale è stato finalmente pubblicato il Dpcm 19 agosto 2020 contente l’approvazione dell’Accordo quadro per il finanziamento bancario dell’anticipo sulla liquidazione dell’indennità di fine servizio (TFS, TFR altrimenti denominata e determinata) dei dipendenti pubblici.

La misura è prevista dall’articolo 23, comma 2, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

Era stata la Ministra Dadone ad annunciare il Decreto, assieme alla piattaforma telematica che servirà a gestire le richieste e l’intera procedura di erogazione.

L’accordo quadro tra governo e Abi lega il tasso di interesse annuo (Tan) da corrispondere sull’anticipo del Tfs/Tfr al Rendimento medio dei titoli pubblici (cosiddetto Rendistato) con durata analoga al finanziamento, maggiorato dello 0,40%.

Attualmente il tasso di interesse sarebbe dunque pari all’1,20% considerando che il rendistato di luglio è stato dello 0,802%. Il tasso d’interesse non potrà comunque essere inferiore allo 0,40%.

Calcolo del TFS

Qui potete consultare un approfondimento sul calcolo del TFS.

Funzionamento del TFS

Qui invece potete leggere una guida al funzionamento del TFS.

Come ottenere l’Anticipo del TFS

Questa cifra costituisce quella che comunemente si riconosce come liquidazione o buonuscita: una sorta di premio, o dote che risulta consegnata al lavoratore al momento delle sue dimissioni, o del pensionamento.

La procedura è la seguente.

In primo luogo, la banca potrà concedere a titolo di anticipo sul TFS spettante somme fino ad un massimo di 45mila euro.

Per ottenere l’anticipo l’interessato dovrà presentare apposita domanda all’ente erogatore (l’INPS) che nei successivi 90 giorni dovrà rilasciare la certificazione dell’ammontare complessivo delle somme spettanti e la data di maturazione del diritto al pagamento.

Già è stato predisposto il modulo di adesione che dovrà essere fatto pervenire all’ABI e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Gli istituti di credito, avranno però altri 30 giorni per riflettere e cambiare idea. Entro un mese dall’imvio del documento infatti è chiesto di convalidare l’adesione.

Il testo completo dell’accordo

A questo link il testo completo pubblicato in Gazzetta Ufficiale con tutti i moduli disponibili (leggere le pagg. 22-36)

 


5 2 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Patrizia
Patrizia
8 Settembre 2020 16:46

Mi sembra una gran sola se devo pagare un interesse è come se prendessi un prestito.

Giacomo
Reply to  Patrizia
25 Febbraio 2021 16:39

l’interesse è solo dello 0,40% ed è fiscalmente detraibile nella misura del 50%. in parole povere su 45.000 euro il costo è di 180 euro che scaricato al 50% si riduce a 90 euro. non male direi…