lentepubblica

Arretrati infermieri: ecco a quanto ammontano e quando arrivano

lentepubblica.it • 15 Novembre 2022

arretrati-infermieri-Dopo la sottoscrizione del rinnovo del contratto relativo al personale del Comparto Sanità gli arretrati stanno per arrivare in busta paga: ecco quando tocca agli infermieri.


Il CCNL si caratterizza per numerose e rilevanti innovazioni concernenti aspetti salienti del trattamento normo-economico del personale sanitario.

L’Aran ha così concluso la trattativa con i sindacati in modo definitivo, sottoscrivendo il testo: maggiori informazioni quiRicordiamo che il nuovo contratto ha vigenza per le annualità 2019-2021, seppur rinnovato quest’anno, nel 2022.

Si tratta di un comparto, quello della sanità, che comprende un ampio numero di dipendenti.

Secondo l’Annuario Statistico del Ministero della Salute 2022 che riporta i dati della forza lavoro in sanità al aggiornati al 31/12/2020, il personale dipendente del Servizio Sanitario Nazionale ammonta a 617.466 persone:

  • 404.690 dipendenti delle ASL,
  • 15.950 unità fra il personale delle aziende ospedaliero- universitarie integrate con il SSN,
  • 59.652 fra il personale delle aziende ospedaliere integrate con l’università
  • 137.174 mila dipendenti ospedalieri.

Una grossa fetta di questo personale è tra le file degli infermieri, in maniera trasversale.

Scopriamo in questo breve articolo quando arriveranno nella busta paga degli infermieri gli arretrati stipendiali previsti dal rinnovo appena sottoscritto.

Arretrati infermieri: ecco quando arrivano

Come per gli altri lavoratori apparteneneti al CCNL della Sanità anche gli infermieri potranno ricevere in busta paga gli arretrati a partire dallo stipendio di novembre.

Gli arretrati per la sanità comprendono gli anni dal 2019 al 2021 e i primi dieci mesi del 2022.

Qui di seguito potete visualizzare la tabella dedicata ad aumenti stipendi, indennità ed arretrati elaborata dalla FP CGIL.

Nel caso degli infermieri, si deve aggiungere a queste somme anche la nuova indennità prevista dal Ccnl.

Indennità per gli infermieri

Si ricorda infatti che, assieme agli arretrati e agli incrementi stipendiali, il nuovo CCNL porta in dote alcune indennità nuove di zecca.

Nello specifico sono previste le indennità:

  • di specificità infermieristica per i profili di infermiere
  • di tutela del malato e promozione della salute per altri profili del ruolo sanitario e socio-sanitario
  • ed una specifica indennità destinata al personale operante nei servizi di pronto soccorso.

L’indennità infermieristica sarà percepita dai seguenti ruoli infermieristici:

  • generico
  • pediatrico
  • senior
  • pediatrico senior
  • psichiatrico o generico con un anno di corso senior
  • puericultrice
  • puericultrice senior.

Non sono ricomprese all’interno di questa indennità le ostetriche.

L’Indennità Infermieristica dal 1.1.2021 al 30.9.2022 sarà di:

  • professionisti della salute e funzionari: 1.528,59 (sarà di 72,79 euro per 12 mensilità)
  • assistenti: 1.406,37 (sarà di 66,97 euro per 12 mensilità)
  • operatori: 1.319,01 (sarà di 62,81 euro per 12 mensilità)

Mentre invece l’indennità Tutela del Malato dal 1.1.2021 al 30/09/2022 (esclusi chi percepisce indennità infermieristica):

  • professionisti della salute e funzionari: 863,10  (sarà di 41,10 euro per 12 mensilità)
  • assistenti: 794,01 (sarà di 37,81 euro per 12 mensilità)
  • operatori: 744,66 (sarà di 35,46 euro per 12 mensilità)

Infine l’indennità Pronto Soccorso, per tutti i professionisti e lavoratori, dal 1.1.2022 al 30/09/2022:

  • 360,00 (sarà di 40,00 euro per 12 mensilità).

E gli aumenti di stipendio?

Per quanto riguarda gli aumenti, anch’essi in arrivo con il cedolino di novembre, l’accordo sul nuovo CCNL riconosce un incremento medio a regime degli stipendi tabellari di 91 euro medi per 13 mesi ed una rivalutazione dei Fondi destinati alla contrattazione integrativa di 12 euro al mese per 13 mensilità.

Per l’applicazione del nuovo sistema di classificazione professionale è stato inoltre previsto un ulteriore impegno finanziario delle aziende e degli enti del comparto di 13 euro mese per 13 mensilità.

Considerando anche tutte le nuove indennità, l’accordo raggiunto consentirà di riconoscere incrementi medi, calcolati su tutto il personale del comparto, di circa 175 euro medi mese, corrispondenti ad una percentuale di rivalutazione del 7,22%.

Potete consultare le tabelle stipendiali al completo in questo articolo.

Il testo definitivo del CCNL Sanità

Potete consultare qui di seguito la stesura finale del nuovo CCNL.

 

4.1 9 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina Turrini
Cristina Turrini
15 Novembre 2022 9:56

Siate chiari! Io d5 infermiere dove finirò? A quanto gli arretrati? Quanta confusione!

Bellitto Simone
Reply to  Cristina Turrini
15 Novembre 2022 10:19

Nella tabella infografica all’interno dell’articolo è mostrato abbastanza chiaramente quali saranno gli aumenti, e quale sarà l’importo degli arretrati, anche per le categorie D5:comment image

marco
marco
Reply to  Bellitto Simone
17 Novembre 2022 18:26

quindi ,come scritto qui ,per gli oss, oltre all aumento comprensivo dell’indennità di 62,81, che parte da gennaio 2021 ,bisogna aggiungere anche l’indennità tutela del malato di di 35 euro ,sempre a partire dal gennaio 2021? ho capito bene?? quindi ulteriore arretrati per gli oss o i 35 sono già inclusi?

Bellitto Simone
Reply to  marco
18 Novembre 2022 8:43

Se non ho capito male, in base a quello che vedo dalla tabella, quelle indennità della penultima colonna sono già incluse nell’ultima colonna, non vorrei aver capito male io, anche perché la tabella riporta “totale arretrati”

Paolo
Paolo
15 Novembre 2022 11:25

Contratto scaduto da oltre 10 mesi e mi parlate di un buon contratto ?Solo vergogna per una professione sottopagata….

Giovanni
Giovanni
15 Novembre 2022 17:27

A novembre, chiacchiere.
Si parla di l’ordo , ma pulite, sono miserie, come al solito..
I sindacati, che, naturalmente, stanno a guardare.

Egidio
Egidio
15 Novembre 2022 18:27

Io nella mia azienda non so anche se con il favore dei sindacati gli arretrati li prenderemo con lo stipendio di gennaio 2023,ASP PALERMO 6

Giuseppe
Giuseppe
15 Novembre 2022 21:54

Come al solito… L’ennesima presa x il culo.
Stipendi da fame .. tra i più bassi a confronto agli altri Paesi, ma nessuno fa niente… I sindacati hanno fatto un buon lavoro complimenti… Noi c facciamo un culo dalla mattina alla sera, carico di lavoro che aumenta sempre di più, c riempiono di responsabilità e vanno a contrattare stipendi da fame…. Ma quando ci svegliamo..?
Che schifo

Erika
Erika
21 Novembre 2022 6:35

Se sono stata in aspettativa nel periodo tra il 2019 e il 2021,non continuativamente,ho diritto a percepire una parte di questi arretrati in base ai mesi lavorati?