lentepubblica

Attribuzione Ferie d’ufficio ai Dipendenti Pubblici: chiarimenti

Giusy Pappalardo • 10 Marzo 2021

attribuzione-ferie-d-ufficio-dipendenti-pubbliciDipendenti Pubblici: il dirigente può attribuire le ferie d’ufficio?


L’ARAN fornisce i dovuti chiarimenti.

L’art. 28 del CCNL 21.05.2018 per il personale del Comparto Funzioni Locali stabilisce modalità e possibilità in materia.

In primis le ferie vanno pianificate al fine di consentire una regolare fruizione ai soggetti titolati.

Ricordiamo che secondo i CCNL la possibilità di disporre le ferie d’ufficio consente al datore di evitare richieste di ferie inconciliabili con le necessità del servizio, da un lato, e di assicurare comunque la fruizione delle ferie al lavoratore, anche in periodi meno impegnati.

Attribuzione Ferie d’ufficio ai Dipendenti Pubblici

In relazione alla problematica in esame si ritiene anzitutto opportuno rilevare che la vigente contrattazione collettiva nazionale di lavoro per il personale del Comparto delle Funzioni locali disciplina le modalità di fruizione delle ferie da parte del personale dipendente con una normativa, specificamente scandita nell’articolo 28 del CCNL 21.5.2018, che proceduralizza alcune modalità di esercizio del potere organizzativo e direttivo datoriale in materia.

In particolare, l’articolo 28, comma 10 configura, come primo passo del percorso regolativo, la pianificazione delle ferie dei dipendenti da parte dell’Ente

al fine di garantire la fruizione delle stesse nei termini previsti dalle disposizioni contrattuali vigenti”.

Al riguardo è opportuno rilevare che l’eventuale impossibilità di provvedere ad una pianificazione preventiva di carattere generale, se dovuta a situazioni contingenti e particolari, non può comunque inficiare:

  • il diritto del dipendente di fruire delle ferie
  • ed il potere del datore di  concederle.

Poi, nell’ambito della cornice della pianificazione, ove esistente, il comma 9 dell’articolo 28 statuisce che le ferie

sono fruite, previa autorizzazione, nel corso di ciascun anno solare, in periodi compatibili con le esigenze di servizio, tenuto conto delle richieste dei dipendenti”.

Il comma 9 dispone, dunque, che il potere datoriale di indicare i periodi di fruizione delle ferie sia esercitato:

  • sulla base della valutazione delle esigenze di servizio
  • tenendo conto per quanto possibile anche delle preferenze rappresentate dai dipendenti
  • fermo restando che, ovviamente, queste ultime risultano oggettivamente recessive rispetto alle prime.

Dipendenti pubblici: a questo link maggiori informazioni in merito ad agevolazioni su formazione, prestiti e vacanze.

Ferie arretrate e non godute Dipendenti Pubblici: si perdono oppure no?

Le precisazioni ARAN

Al riguardo si ritiene opportuno precisare che la locuzione “tenuto conto”, di cui al citato comma 9, stante il suo carattere di clausola di tutela della facoltà di richiesta del dipendente, deve essere correttamente intesa nel senso che, laddove questi rappresenti le proprie preferenze in ordine ai periodi di fruizione delle ferie e le medesime non possano essere accolte per motivi di servizio, delle ragioni del diniego gli si debba dare, sia pur sinteticamente, esauriente notizia esplicativa.

Infine, il comma 12 dell’articolo 28 stabilisce che, sempre compatibilmente con le esigenze del servizio,

il dipendente può frazionare le ferie in più periodi”

e che esse debbono essere fruite

“nel rispetto dei turni di ferie prestabiliti, assicurando comunque, al dipendente che ne abbia fatto richiesta, il godimento di almeno due settimane continuative nel periodo 1 giugno – 30 settembre”.

Conclusioni

Così ricostruita la vigente disciplina contrattuale,  per quanto qui ne occupa, si deve rilevare che la valutazione delle esigenze di servizio e di quelle dei dipendenti ai fini delle conseguenti determinazioni gestionali sulla fruizione delle ferie, costituisce, all’evidenza, una questione definita dalle concrete situazioni organizzative e gestionali. E la relativa decisione, in quanto espressione del potere organizzativo e direttivo del datore di lavoro, è prerogativa esclusiva dell’Ente.

Pertanto, la formulazione di indicazioni in materia esula dalla competenza dell’Agenzia che, è circoscritta dall’articolo 46, comma 1, Dlgs 165/2001 e smi, alla formulazione di orientamenti per la uniforme applicazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro dei quali la stessa è parte stipulante e non si estende alla formulazione di specifiche indicazioni per l’attività di gestione.

Il testo del parere ARAN

A questo link il testo completo del parere dell’ARAN.

 

5 2 votes
Article Rating
Fonte: articolo di Giusy Pappalardo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments