Aumento Stipendio dei Dipendenti Statali nel 2021: ecco le cifre

lentepubblica.it • 25 Novembre 2020

aumento-stipendio-dipendenti-statali-2021Si sta parlando molto degli incrementi stipendiali nel Pubblico Impiego: ecco un riepilogo delle cifre.


Uno dei capitoli più importanti della prossima Manovra 2021, oltre a quello delle assunzioni, riguarda l’aumento dello Stipendio dei Dipendenti Statali. Scopriamo qual è allo stato attuale l’ammontare previsto di questi aumenti stipendiali.

Aumento Stipendio dei Dipendenti Statali nel 2021: le cifre

La base di partenza del rinnovo dei contratti della Pubblica Amministrazione riguarderà già l’inizio del 2021, mentre per gli altri due anni del nuovo contratto, il 2019 e il 2020, gli aumenti dei cedolini si fermerebbero alla metà e a un terzo dell’incremento del prossimo anno.

Ed il capitolo stipendi è senza dubbio la parte più importante.

Con il rinnovo del contratto il Ministero della Pubblica Amministrazione conta di riconoscere un aumento di stipendio di circa 107,00€ medi e lordi, circa 20,00€ in più rispetto a quanto fatto con il rinnovo del CCNL 2018.

Un aumento di stipendio che a regime (quindi per il solo anno 2021 e per i successivi) sarà leggermente superiore al 4%: a godere di un aumento di 107,00€, quindi, saranno coloro con una retribuzione media annua pari a 34.250 euro.

La tabella

In estrema sintesi si prevede questo schema:

 

Incremento anno 2019 Incremento anno 2020 Incremento anno 2021
 

1,3% della retribuzione media (quindi di circa 37,00 € medi e lordi)

 

2,01% (circa 57,00 €)

 

4%, incremento che raggiunge i 107,00 €.

 

In buona sostanza, l’accordo varrà a regime con l’aumento in busta paga per il 2021. Per gli anni 2019 e 2020, quindi, gli arretrati saranno corrisposti sotto forma di assegno una tantum (ossia in un’unica soluzione).

N.B. A godere di un aumento di 107,00€ saranno coloro con una retribuzione media annua pari a 34.250 euro. Secondo il disegno, infatti, l’aumento sarà progressivamente abbassato con l’aumentare del reddito. Per questi calcoli e dettagli, ovviamente, si attende la firma sul nuovo CCNL.

Per i Sindacati gli aumenti non sono sufficienti

Tuttavia l’importo dell’aumento – ritenuto troppo basso – per i sindacati risulta insufficiente. Le sigle di categoria di Cgil, Cisl e Uil sottolineano che i dipendenti pubblici chiedono non solo “aumenti salariali in linea con la condizione economica delle famiglie” ma soprattutto pretendono “di non vedersi sottratte dalla busta paga somme già erogate in questo momento“.

Questo è anche uno dei motivi che ha portato alla proclamazione dello Sciopero, che si terrà il prossimo 9 Dicembre.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments