lentepubblica

Previdenza, per i Carabinieri arriva il Polo Unico INPS

lentepubblica.it • 22 Settembre 2017

carabinieri polo unico inpsAl via il Polo Unico per la gestione della posizione assicurativa e delle pensioni dei militari appartenenti all’Arma dei Carabinieri.


 

Sarà operativo, infatti, dal prossimo 1° ottobre 2017 il protocollo d’intesa tra l’Inps e il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri per lo svolgimento di attività di collaborazione in materia di gestione della posizione assicurativa, erogazione delle pensioni del personale militare, di liquidazione del trattamento di fine servizio e di concessione di prestiti. Lo comunica l’Inps nella Circolare 130/2017 in cui l’Istituto illustra le caratteristiche del progetto che semplificherà la gestione dell’erogazione dei trattamenti pensionistici per il personale dell’Arma dei Carabinieri.

 

La Questione

 

Il 1° agosto 2017, i vertici dell’Inps e dell’Arma dei Carabinieri hanno siglato un Protocollo che, fra l’altro, prevede la costituzione presso la Direzione provinciale INPS di Chieti del Polo nazionale per la gestione della posizione assicurativa, delle prestazioni pensionistiche e previdenziali, nonché dei piccoli prestiti e prestiti pluriennali Arma dei Carabinieri. La sede di Chieti è stata individuata in quanto già sede del CNA (Centro nazionale amministrativo) dell’Arma in cui sono sono state centralizzate le attività di gestione amministrativa dei trattamenti pensionistici. A seguito del predetto documento il Polo dell’Inps avrà competenza su tutte le attività che afferiscono al processo di sistemazione della Posizione Assicurativa (es. Memorizzazione del fascicolo, Correzione della posizione assicurativa e Richieste di variazione Posizione Assicurativa), alla Gestione delle domande di riscatto e ricongiunzione ai fini pensionistici, computo, contribuzione volontaria e contribuzione figurativa, del riscatto ai fini TFS, nonchè del primo pagamento del trattamento pensionistico e della prima liquidazione dell’indennità di buonuscita (TFS).

 

Resta confermato l’attuale criterio di competenza, sulla base della provincia di residenza del pensionato, per le ricostituzioni a qualsiasi titolo, compresa la definizione della domanda di pensione di privilegio, la liquidazione delle reversibilità e i successivi adempimenti relativi alla gestione della partita di pensione (assegno nucleo familiare, variazione ufficio pagatore, cessione del quinto, pignoramenti ecc.), nonchè per le riliquidazioni dei TFS.

 

Il passaggio dal 1° Ottobre

 

L’assunzione delle competenze, riguarderà tutti gli assicurati appartenenti all’Arma dei Carabinieri che alla data del 1° ottobre 2017 non risulteranno aver presentato domanda di pensione e/o per i quali il CNA non ha ancora inviato la comunicazione di cessazione ai fini del TFS o il modello PL1. Le domande di pensione dirette ed indirette pervenute entro il 30 settembre 2017 continueranno ad essere gestite dalle Sedi provinciali secondo il precedente generale criterio di competenza in base alla provincia di lavoro dell’iscritto. L’accentramento al Polo Unico riguarderà anche le attività connesse alle richieste di prestazioni creditizie presentate a decorrere dal 1° ottobre 2017 e relative a piccoli prestiti e prestiti pluriennali, compresa la gestione delle relative trattenute e ammortamenti, anche per i prestiti già erogati ed in corso di ammortamento. Anche i ricorsi in materia di posizione assicurativa, trattamenti pensionistici e trattamenti di fine servizio trasmessi alle Sedi territorialmente competenti in base alla residenza del ricorrente dovranno essere trasferiti, al Polo Unico di Chieti.

 

0 0 votes
Article Rating
Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Alberto Brambilla
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments