Congedo parentale ad ore e riposi giornalieri Dipendenti Pubblici: i nuovi limiti

lentepubblica.it • 19 Marzo 2021

congedo-parentale-ore-riposi-giornalieri-dipendenti-pubblici-limitiIl Dipartimento della Funzione Pubblica ha fornito un nuovo parere in merito a Congedo parentale ad ore e riposi giornalieri dei Dipendenti Pubblici, illustrando i nuovi limiti in materia.


La Funzione Pubblica fa riferimento alla nota con cui si richiede un parere circa la possibilità di cumulare nella medesima giornata il congedo parentale ad ore ed i riposi giornalieri spettanti alla lavoratrice madre o al lavoratore padre nel primo anno di vita del bambino. Il tutto alla luce di quanto previsto dagli articoli 39 e 40 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151.

Maggiori informazioni sul congedo parentale ad ore a questo link.

La risposta del Dipartimento arriva tramite il parere protocollato DFP-0007518-P-04/02/2021.

Congedo parentale ad ore e riposi giornalieri Dipendenti Pubblici: i nuovi limiti

La soluzione del quesito non può prescindere da una breve ricostruzione normativa dell’istituto in esame. Questo in quanto – come noto – il comma 1-bis dell’articolo 32 del richiamato decreto legislativo n. 151/2001, aggiunto per effetto dell’articolo 1, comma 339, lett. a), della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto la possibilità di fruire del congedo parentale su base oraria demandando alla contrattazione collettiva le modalità per l’applicazione dello stesso.

Successivamente, è poi intervenuto il decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 80, recante misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183, che, all’articolo 7, ha modificato il citato articolo 32 nei seguenti termini:

“… a) al comma 1 le parole: «nei primi suoi otto anni di vita» sono sostituite dalle seguenti: «nei primi suoi dodici anni di vita»; b) dopo il comma 1-bis è inserito il seguente: «1-ter.

In caso di mancata regolamentazione, da parte della contrattazione collettiva, anche di livello aziendale, delle modalità di fruizione del congedo parentale su base oraria, ciascun genitore può scegliere tra la fruizione giornaliera e quella oraria. La fruizione su base oraria è consentita in misura pari alla metà dell’orario medio giornaliero del periodo di paga quadrisettimanale o mensile immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha inizio il congedo parentale.

Nei casi di cui al presente comma è esclusa la cumulabilità della fruizione oraria del congedo parentale con permessi o riposi di cui al presente decreto legislativo. Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano al personale del comparto sicurezza e difesa e a quello dei vigili del fuoco e soccorso pubblico”.

L’applicazione delle modifiche del decreto ai CCNL

Alla luce delle modifiche apportate dal decreto in esame, i contratti collettivi nazionali, cui erano peraltro demandate le modalità di applicazione del congedo su base oraria, confermano la possibilità di accesso a tale forma di flessibilità del congedo parentale lasciando invariate le modalità di applicazione, purché conformi a quanto previsto dalle fonti legali.

Sul punto la stessa A.R.A.N. è intervenuta, in particolare, con l’orientamento applicativo del 15 giugno 2018 n. CFC2. L’ARAN ha confermato che – sebbene le amministrazioni possano individuare alcuni spazi di flessibilità applicativa – il limite alla fruizione è posto al fine di tutelare un interesse organizzativo delle stesse.

Dipendenti pubblici: a questo link maggiori informazioni in merito ad agevolazioni su formazione, prestiti e vacanze.

Conclusioni

Ciò premesso, il Dipartimento condivide l’orientamento. E dunque non può che ribadire l’incompatibilità della fruizione del congedo parentale ad ore con la fruizione di altri permessi o riposi disciplinati dal T.U. sulla maternità e paternità. La fruzione risulta viceversa compatibile con permessi o riposi disciplinati da disposizioni normative diverse dal Testo Unico citato. Ad esempio come nel caso dei permessi ex art. 33, commi 2 e 3, della legge n. 104 del 1992, quando vengono fruiti in modalità oraria.

Il testo completo del Parere

Potete consultare qui il testo completo del Parere della Funzione Pubblica.

 

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments