Consiglio di Stato: la gestione dei Rifiuti può essere affidata alla Società Partecipata

lentepubblica.it • 28 Agosto 2020

consiglio-di-stato-gestione-rifiuti-societa-partecipataUna recente Sentenza del Consiglio di Stato sostiene che la gestione dei Rifiuti può essere affidata anche alla Società Partecipata.


I Comuni sono responsabili della gestione rifiuti urbani dei propri territori, ma a chiarirne le competenze, anche riguardo alla disciplina delle modalità del servizio di raccolta e trasporto, in mancanza della attivazione delle gestioni rifiuti degli Ato (seppure istituti), giunge la sentenza del Consiglio di Stato n. 3895/2020.

Consiglio di Stato: gestione Rifiuti e affidamento alla Società Partecipata

La Regione non ha potere di intervento, in materia di appalti comunali, sulla scelta del Comune relativa all’impianto per lo smaltimento rifiuti, mentre è di sua competenza l’approvazione del Piano rifiuti, l’istituzione di direttive e indirizzi e l’autorizzazione di deroghe ove necessario.

In virtù di questo, il Tar del Lazio avevano già ritenuto quindi legittima la decisione di un Comune che aveva affidato ad una società pubblica di cui è socio la gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti.

Conferma di legittimità avvallata dai giudici, che rilevavano a supporto motivazionale il rapporto di partecipazione nella società amministratrice dell’impianto più lontano con univoco indirizzo operativo e gli interessi economici di entrambe le parti.

Gli adempimenti sui Rifiuti per i Comuni

Ricordiamo che l’ARERA ha deliberato le nuove regole definiscono i corrispettivi TARI da applicare agli utenti nel 2020-2021 e gli obblighi di comunicazione.

Ad esempio ci sono importanti novità per quanto riguarda la predisposizione del Piano Economico Finanziario.

Il PEF, infatti, deve inoltre includere una tabella corredata dalla relazione di accompagnamento e dalla dichiarazione di veridicità che riporta le voci dei costi di gestione e del capitale relativi al servizio integrato di gestione dei rifiuti. (L’argomento è stato approfondito in un nostro webinar, potete rivederlo a questo link).

Poi con la Delibera 444/2019/R/rif  l’Autorità impone a Comuni e gestori la pubblicazione dei contenuti minimi obbligatori da riportare sui siti internet istituzionali.

L’obiettivo dell’ARERA è quello di garantire così maggiore trasparenza sulle caratteristiche del servizio rifiuti. (Maggiori informazioni sono disponibili a questo link).

Inoltre, tramite la delibera 71/2020 e il relativo allegato A ha anche stabilito le linee guida per il settore dei rifiuti con riferimento ai temi inerenti alla qualità del servizio. (Maggiori informazioni sono disponibili a questo link).

Autonomia e competenza nell’organizzazione del servizio per i Comuni

All’ente comunale è stata quindi riconosciuta autonomia e competenza nell’organizzazione del servizio, identificato

  • nell’ambito dei servizi pubblici locali (come da articolo 112, Dlgs 267/2000)
  • come un servizio attinente all’igiene urbana
  • e con oggetto la produzione di beni e attività atte a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali e perseguire sociali.

principi di autosufficienza e prossimità che impongono la programmazione e realizzazione di un sistema con rete integrata di impianti in ambiti territoriali, adatta al trattamento dei rifiuti, perseguente lo scopo di riduzione del trasporto rifiuti (e del movimento degli stessi) e quindi di eventuali ripercussioni ambientali entro la Regione, sono stabiliti dall’articolo 182-bis, Dlgs 152/2006.

Lo scopo di tali principi è assicurare che tra il luogo di produzione e quello di ricezione dei rifiuti intercorra la massima vicinanza possibile. E che anche i luoghi in cui avviene il conferimento e trattamento rifiuti abbia la priorità negli impianti locali, non per forza meno distanti.

Come sancito dai giudici, non solo l’osservanza del principio di prossimità territoriale ma proprio il controllo del rispetto delle prescrizioni normative sulla gestione dei rifiuti di un Comune non è di competenza della Regione.

A questa competono invece le attività di predisposizione e cura dei Piani regionali di gestione rifiuti e la vigilanza sulla gestione. Che deve essere garantita tramite:

  • informazioni sulla produzione;
  • percentuale di raccolta;
  • caratteristiche degli impianti;
  • capacità degli impianti stessi.

A questo link il testo completo della Sentenza.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments