fbpx

Nuovo contratto, per i dirigenti pubblici quali aumenti?

lentepubblica.it • 4 Maggio 2018

concorso-dirigenti-pubblici-aumentiContratto Dirigenti Pubblici, quali saranno gli aumenti: previsto un aumento medio a regime, ma quale sarà la portata?


Nuovo contratto, per i dirigenti pubblici quali aumenti? Parte la trattativa all’Aran sul contratto dei dirigenti di ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici, cioè del comparto delle «Funzioni centrali» che come sempre traccia la rotta anche per gli altri rami della Pubblica amministrazione.

 

L’Aran dovrà adeguarsi al quadro di carattere finanziario contenuto nella “Premessa” e nella “Parte generale comune a tutti i comparti ed alle aree dirigenziali di contrattazione” della Direttiva madre con le specificazioni ed integrazioni che seguono.

 

A tale riguardo va rammentato che la legge di bilancio per l’anno 2018 ha integrato le risorse disponibili per la contrattazione collettiva del personale appartenente alle amministrazioni statali relativa al triennio 2016-2018 e per i miglioramenti economici del restante personale statale in regime di diritto pubblico, dando seguito all’impegno assunto nell’ambito dell’Accordo Governo-Sindacati del 30 novembre 2016, riguardante il riconoscimento, a decorrere dall’anno 2018, di benefici medi mensili di 85 euro. Quanto sopra in applicazione dell’articolo 48, comma 1, del d.lgs n. 165 del 2001, secondo il quale con il predetto provvedimento legislativo vengono definiti gli oneri in parola per le sole amministrazioni statali.

 

In particolare, la citata legge di bilancio ha rideterminato le risorse disponibili per la contrattazione del personale delle amministrazioni statali, al lordo degli oneri per contributi ed Irap, nei seguenti importi:

 

  • 300 milioni per l’anno 2016;
  • 900 milioni per l’anno 2017;
  • 2.850 milioni dall’anno

 

Tali risorse, assumendo come te1mine di raffronto il monte salari utile a fini contrattuali detem1inato sulla base dei dati di conto annuale 2015, costituito dalle voci retributive a titolo di trattamento economico principale ed accessorio, al netto della spesa per l’indennità di vacanza contrattuale nei valori vigenti a decorrere dall’anno 201O,  corrisponderebbero ad incrementi retributivi rispettivamente pari a:

 

  • 0,36 per cento per l’anno 2016;
  • 1,09 per cento per l’anno 2017;
  • 3,48 per cento a decon-ere dall’anno 2018.

 

Nella successiva tabella si riporta il quadro riepilogativo sia delle risorse previste dalla legislazione vigente per il rinnovo contrattuale del personale appartenente alle predette amministrazioni statali relativo al triennio 2016-2018 e per i miglioramenti economici del restante personale statale in regime di diritto pubblico, sia degli incrementi retributivi in valori percentuali.

 

 

In allegato il testo completo della direttiva.

 

 

Fonte: ARAN
avatar
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami