Covid-19: utilizzo dei dispositivi di protezione per la Polizia Locale

lentepubblica.it • 15 Ottobre 2020

covid-19-dispositivi-protezione-polizia-localeCon l’aumento dei casi di Covid-19 si amplia il carico di lavoro per gli agenti della Polizia Municipale.


I casi attuali di Covid-19, infatti, necessitano di alcune precisazioni in merito all’utilizzo dei dispositivi di protezione per gli agenti di Polizia Locale.

Agenti che già adesso sono chiamati ad ampliare il loro carico di lavoro (e quindi i rischi) per l’emergenza Covid-19 e che in caso di lockdown generalizzati o circoscritti saranno utilizzati a pieno regime per le limitazioni alla viabilità ordinaria.

Ecco dunque un brevissimo riepilogo sull’argomento.

A questo link, invece, potete consultare un articolo riguardante lo straordinario per Coronavirus per la Polizia Locale.

Covid-19: utilizzo dispositivi protezione da parte della Polizia Locale

Riguardo al tema dei dispositivi di protezione individuale si può citare una Circolare del Ministero della Salute. Il documento risale alla scorsa primavera ma purtroppo è di nuovo pericolosamente attuale, e fa espresso riferimento agli operatori della Polizia locale.

Queste indicazioni sono valide anch’esse per la situazione attuale, che prevede nuovamente l’obbligo generalizzato di mascherine. E rischiano di diventare materiale importantissimo se verranno applicati nuovi lockdown.

La Circolare in primo luogo sostiene che le Forze dell’ordine impegnate a garantire le misure di quarantena dei casi con COVID-19 devono utilizzare idonei DPI adeguati alla tipologia di intervento.

Accanto alle Forze dell’Ordine la Polizia locale, su indicazione dei prefetti, è coinvolta nell’attuazione di mirati controlli nell’ambito della verifica del rispetto delle limitazioni previste dalla legge.

Inoltre, il Ministero dell’Interno ha previsto che le Polizie locali possano concorrere nelle attività di controllo del territorio. Attività finalizzate all’osservanza delle particolari prescrizioni imposte per contenere la diffusione del contagio da nuovo coronavirus COVID-19.

Per questo, il rischio di contagio per gli operatori di Polizia locale deve essere valutato dal datore di lavoro in collaborazione col medico competente.

Pertanto, qualora gli operatori di Polizia locale, nell’ambito dell’emergenza COVID-19, svolgano le stesse funzioni delle Forze dell’ordine, tale circostanza dovrà essere considerata nell’ambito di valutazione del rischio. E quindi dovranno essere applicate misure di prevenzione e protezione analoghe a quelle disposte per le Forze dell’ordine.

In buona sostanza agli agenti di Polizia Locale deve essere garantita l’adeguata dotazione di dispositivi di protezione individuale per le attività di contrasto al Covid-19.

 

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Mario
Mario
16 Ottobre 2020 6:04

Vuol dire tutto e niente, si devono ben specificare quali sono questi dispositivi e in che ambito usarli es TSO, perché la mascherina ce l’abbiamo tutti.