fbpx

Ancora 50 mila Esodati da salvaguardare

lentepubblica.it • 21 Luglio 2015

esodati-La denuncia arriva dalla segretaria confederale della Cgil, Vera Lamonica oggi in Piazza a Roma assieme ai Comitati per chiedere lo sblocco dei lavori sulla settima salvaguardia.

 

“Il governo ha completamente dimenticato che rimangono almeno 50mila esodati da includere nella salvaguardia, intervenga per chiudere definitivamente questa pagina nera”, questa la denuncia di Vera Lamonica, segretaria confederale della Cgil che ha partecipato al presidio organizzato dai Comitati degli Esodati oggi in Piazza di Montecitorio e innanzi al Ministero del Lavoro in Via Veneto a Roma. I manifestanti chiedono da tempo la calendarizzazione in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati delle due proposte di legge depositate dai Dem e dalle Lega Nord per chiudere in modo definitivo quella ferita aperta con la Legge Fornero che, dopo ben sei provvedimenti di salvaguardia, ancora non è stata completamente rimarginata.  Domani i Comitati incontreremo il consigliere del Presidente Mattarella, Giancarlo Montedoro. Il 28 luglio invece saranno ricevuti dal direttore generale dell’Inps, Antonello Crudo nella speranza che si sblocchi qualcosa.

 

Fuori dal perimetro di tutela restano infatti almeno altri 49.500 lavoratori come certificati dal Governo ad ottobre scorso. Si tratta di soggetti che al dicembre 2011 erano già usciti dal mondo del lavoro a vario titolo con la prospettiva di accedere alla pensione entro il 6 gennaio 2019 (le attuali salvaguardie hanno tutelato solo coloro che maturavano la decorrenza della prestazione entro il 6 gennaio 2016).

 

 

 

 

L’esecutivo nei giorni scorsi ha aperto ad un nuovo provvedimento di tutela che sarà coperto dai risparmi derivanti dal sottoutilizzo del Fondo Esodati (che consta di ben 11 miliardi). Ma per l’esatta quantificazione dei risparmi serve una certificazione precisa dell’Inps che tarda ad arrivare per la lentezza della conclusione delle operazioni di salvaguardia in corso. L’ultimo report diffuso dall’istituto mostra infatti una situazione tutt’altro che chiusa: Su 170mila lavoratori, solo 114mila sono le posizioni certificate dall’Inps. Le persone che attualmente stanno ricevendo una pensione sono 78mila. Le domande non accolte ammontano a 50mila, e 7mila sono quelle ancora giacenti.

 

Duro il giudizio dei sindacati e dei Comitati: “l’Inps non ha ancora ottemperato all’impegno preso con il Parlamento di rendere noto il numero esatto di lavoratori effettivamente salvaguardati e le risorse finora spese al riguardo”. “Si tratta di dati indispensabili – spiega – perché proprio a partire dalle risorse impegnate ma non spese si può procedere alla settima salvaguardia, completando così una vicenda che è scandalosamente ancora in piedi” ricorda Lamonica.

 

“Anche il ministero del Lavoro – sottolinea la dirigente sindacale – non comunica i dati, e i due soggetti continuano a rimpallarsi la responsabilità”. “Siamo con i lavoratori che oggi manifestano davanti a Montecitorio – sostiene Lamonica – e riconfermiamo il nostro impegno per far sì che la questione si possa definitivamente chiudere, assicurando – conclude – che a eguale condizione corrispondano eguali diritti”.

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Eleonora Accorsi
avatar
  Subscribe  
Notificami