fbpx

Lavoratori in esubero delle Province: tutti trasferiti nei tribunali?

lentepubblica.it • 9 Luglio 2015

metropolitane, riordinoSino a 2 mila dipendenti delle provin­ce in esubero saranno trasferiti negli uffici giudiziari, trami­te il meccanismo della mobilità extra­comparto. Lo prevede l’articolo 21 del decreto legge 83/2015 (il decreto giustizia) approdato in commissio­ne alla Camera. «Il ministero della Giustizia» si legge infatti nel testo del testo governativo, «acquisisce un contingente massimo di 2.000 unità di per­sonale amministrativo prove­niente dagli enti di area vasta, da inquadrare nel ruolo dell’am­ministrazione giudiziaria». La possibilità di trasferire il perso­nale in questione, precisa la rela­zione tecnica, è riferita al bien­nio 2016­-2017.

 

In particolare, il decreto – legge interviene sulla legge di stabilità 2015 (legge n. 190 del 2014) per inserire un ulteriore periodo al comma 425, che disciplina le procedure di mobilità per il ricollocamento di tale personale.

 

Com’è noto i commi da 421 a 428 dell’art. 1 della legge di stabilità 2015 dispongono la riduzione del 50% e del 30% della dotazione organica, rispettivamente, di province e città metropolitane , con la contestuale definizione di un procedimento volto a favorire la mobilità del personale eccedentario verso regioni, comuni e altre pubbliche amministrazioni. In particolare, il comma 425 disciplina il ricollocamento del personale in mobilità presso le amministrazioni dello Stato, sulla base di una ricognizione dei posti disponibili da parte del Dipartimento della funzione pubblica. Più specificamente, le pubbliche amministrazioni sono tenute a comunicare un numero di posti, riferiti soprattutto alle sedi periferiche, corrispondente, sul piano finanziario, alla disponibilità delle risorse destinate, per gli anni 2015 e 2016, alle assunzioni di personale a tempo indeterminato, al netto di quelle finalizzate all’assunzione di vincitori di concorsi pubblici collocati nelle graduatorie vigenti, dando priorità alla ricollocazione presso gli uffici giudiziari.

 

«A tal fine – ­viene sottolineato – ­ sono utilizzate le risorse del Fondo per l’efficien­za della giustizia» comunque «nel limite di spesa di 46 milioni di euro per l’anno 2016 e di 92 milioni di euro a decorrere dal­ l’anno 2017».

 

Secondo quanto dichiarato oggi dal Ministro Madia nel corso del question time alla Camera, è inoltre in fase di conclusione il processo di mobilità verso gli uffici giudiziari, avviato con il Fondo del Ministero della giustizia che riguarda 1.031 dipendenti. Il Ministro ha anche precisato che la ricollocazione del personale in soprannumero è, ovviamente, più facile “nelle regioni che hanno già approvato le leggi relative alle funzioni già attribuite alle province, ma noi procederemo anche nelle regioni che non hanno approvato la legge regionale“.

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Bernardo Diaz
avatar
  Subscribe  
Notificami