fbpx

Fioccano i ricorsi contro l’INPS sull’Opzione Donna

lentepubblica.it • 3 Novembre 2014

Il Comitato Opzione Donna diffida l’Inps a rimuovere i paletti che accorciano di un anno i termini per l’accesso al regime sperimentale donna. L’Istituto avrà 90 giorni di tempo per rispondere. Successivamente partirà l’azione collettiva al Tar.

Il Comitato Opzione donna ha ricevuto l’appoggio dell’Onorevole MariaLuisa Gnecchi (Pd) e dell’Onorevole Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati lo scorso 31 Ottobre a Montecitorio, all’avvio del ricorso collettivo per ampliare la fruizione del regime sperimentale donna per tutte le lavoratrici che maturano i requisiti nel corso del 2015.

Com’è noto, l’Inps ha chiesto, con le Circolari 35 e 37 del 2012, ai fini dell’accesso al regime di cui all’articolo 1, comma 9 della legge 243/04, che le lavoratrici devono conseguire, al 31 Dicembre 2015, l’apertura della finestra mobile anticipando, di fatto, di oltre un anno i requisiti anagrafici e contributi utili per l’esercizio dell’opzione in parola.

L’indicazione dell’Inps, ha ricordato la Gnecchi, è inaccettabile perchè ha l’effetto di restringere occultamente, dato che la legge 243/04 non prevedeva tale condizione, il regime sperimentale donna, unica possibilità lasciata dopo la Riforma Fornero dall’ordinamento per anticipare l’uscita (a caro prezzo dato che chi sceglie questa strada ottiene un assegno calcolato con il sistema contributivo e dunque piu’ basso).

La Gnecchi ha ricordato anche come il Parlamento abbia approvato, invano, due risoluzioni per chiedere al Governo la soluzione della vicenda ma che la Ragioneria dello Stato ha chiesto adeguate coperture per l’allargamento della platea delle beneficiarie, richiesta anch’essa inaccettabile – ha detto la Gnecchi – in quanto le coperture per la misura erano state già previste nella legge istitutiva del regime sperimentale, la legge 243/04.

Il Comitato, promosso da Daniella Maroni, lo scorso 22 Ottobre ha dunque presentato una diffida formale all’Inps a riformare, entro 90 giorni dalla ricezione della stessa, le Circolari 35 e 37 del 2012. Dopo i 90 giorni, ricordano, se non ci sarà un esito positivo della vicenda, il Comitato avrà un anno di tempo per presentare un ricorso collettivo al Tar del Lazio per ottenere la rimozione in via giurisdizionale delle Circolari. L’azione, precisano, sarà aperta a chiunque abbia un interesse con le stesse caratteristiche di quello delle ricorrenti (c’è un bacino di 6mila lavoratrici potenziali aderenti, stimano dal Comitato) che dunque potranno unirsi all’azione collettiva sino a 20 giorni prima della fissazione dell’udizienza preliminare al Tar del Lazio.

Oltre all’azione collettiva, precisano dal Comitato, le lavoratrici potranno comunque perseguire la strada individuale presentando ricorso individuale presso il Giudice del lavoro (per le lavoratrici del settore privato) o alla Corte dei conti (per le lavoratrici del pubblico impiego) nei confronti del diniego all’accesso alla prestazione che sarà comunicato dall’Inps.

 

 

FONTE: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)

AUTORE: Eleonora Accorsi

 

donne e lavoro

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami