fbpx

Giro di vite del Ministero del Lavoro sulle agenzie in merito ai “contratti rumeni”

lentepubblica.it • 10 Aprile 2015

contratti rumeniDopo il clamore suscitato dalla denuncia della Fillea Cgil, il ministero del lavoro è intervenuto ieri con una circolare. I “contratti rumeni” sono irregolari.

 

Chi utilizza «i contratti rumeni» viola la legge e rischia sanzioni. Il ministero del Lavoro batte un colpo sul caso dell’agenzia interinale rumena che faceva pubblicità tramite un promoter italiano a Modena promettendo un pacchetto completo col 40 per cento di risparmio sul lavoro, tagliando «tredicesima, Tfr, contributi Inail e lnps».

 

Una circolare inviata dalla Direzione generale per l’attività ispettiva alle direzioni territoriali e per informare gli imprenditori anche alle associazioni di categoria e alle agenzie di somministrazione.

 

Nella circolare si sottolinea il «contrasto con la disciplina comunitaria e nazionale in materia di distacco transnazionate» e il rischio di «ripercussioni, anche di carattere sanzionatorio, in capo alle imprese utilizzatrici».

 

La circolare ricorda poi «l’attiva partecipazione ad iniziative che hanno coinvolto altri Stati Ue (progetto Enfoster, progetto Transpo, progetto Empower) e il decreto legislativo 276 del 2003: per l’articolo 23 le agenzie interinali con sede in altro Stato membro devono applicare ai lavoratori «condizioni di base di lavoro e d’occupazione complessivamente non inferiori a quelle dei dipendenti di pari livello dell’utilizzatore, a parità di mansioni svolte», insieme con l’applicazione della disciplina in materia di responsabilità solidale per l’adempimento degli obblighi retributivi e previdenziali.

 

Il ministero invita anche gli ispettorati del lavoro ad aumentare la vigilanza contro abusi di questo tipo «prestando la massima attenzione a questi fenomeni».

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)
avatar
  Subscribe  
Notificami