PA: possibile proroga per le graduatorie degli idonei di concorso pubblico?

lentepubblica.it • 22 Gennaio 2016

idonei concorso pubblicoProrogare le graduatorie degli idonei di concorso pubblico che attendono da anni di essere assunti almeno sino al 31 dicembre 2017? Lo hanno chiesto ieri con una interrogazione al Ministero della Funzione Pubblica, Marianna Madia, alcuni Parlamentari in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati in occasione dell’esame del decreto legge milleproroghe anticipando il deposito di un emendamento in tal senso.

 

La questione arriva da lontano ed è frutto dell’incardinarsi di diverse discipline e priorità politiche del Governo che ha di fatto messo davanti le esigenze del personale in esubero dalle province rispetto agli idonei dei concorsi pubblici. La legge di stabilita’ 2015, legge n. 190 del 2014, ai commi 424 e 425 dell’articolo 1, ha infatti previsto l’obbligo per le regioni ed enti locali di destinare, per gli anni 2015 e 2016, tutte le risorse per le assunzioni a tempo indeterminato, nelle percentuali stabilite dalla normativa vigente, all’immissione nei ruoli dei «vincitori di concorso pubblico collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate» entro il 1° gennaio 2015.

 

Destinando, quindi, le residue facoltà assunzionali degli enti pubblici, esaurita la graduatoria dei vincitori di concorso, esclusivamente ad assorbire i dipendenti delle province che ancora non sono stati collocati. In altri termini la mobilità dei dipendenti delle province non solo impedirà di assumere a tempo indeterminato i precari, ma di fatto ha bloccato per almeno due anni (anni 2015 e 2016) la possibilità di scorrere le graduatorie dei concorsi inibendo dunque il reclutamento degli idonei così come avrebbe voluto la Legge D’Alia del 2013. Cesare Damiano ed altri deputati Dem hanno chiesto pertanto al Governo, al fine di risolvere questa situazione assai ingarbugliata, di prorogare almeno fino a tutto il 2017 le graduatorie dei concorsi.

 

Il Ministro Madia – in risposta all’interrogazione parlamentare dei Dem – ha preso sostanzialmente tempo indicando che “sarà necessario svolgere, nel corso di quest’anno, un accurato monitoraggio per verificare se sia opportuna una ulteriore proroga delle graduatorie, considerando anche la possibilità di riavviare in modo regolare procedure di reclutamento nel contesto del nuovo quadro normativo disegnato dalla riforma della pubblica amministrazione”.

 

Secondo il Ministro l’esperienza ha “comunque mostrato l’inefficacia delle modalità di reclutamento del personale che sono state seguite in passato, fondate sulle piante organiche e non sui reali fabbisogni degli enti. Il sistema previgente basato sul principio della doppia autorizzazione, a bandire il concorso e ad assumere, ha, infatti, dato luogo a graduatorie lunghissime, con inesauribili liste di idonei”. Il passo successivo del Governo sarà quello di procedere alla verifica dei fabbisogni, superando il principio della pianta organica, e di adottare una procedura unica di selezione, evitando in tal modo l’eccessivo e irragionevole ricorso ad una pluralità di concorsi. La Madia ha comunque assicurato che il Governo “valuterà le indicazioni che il Parlamento vorrà dare su questi temi”.

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Bernardo Diaz
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
I criteri per l'Assunzione dei Precari nella PAlentepubblica Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami