INPS, dichiarazione redditi: nuovo servizio online, RED

lentepubblica.it • 6 Maggio 2016

ricette mediche onlineI pensionati beneficiari di prestazioni collegate al reddito, tenuti per legge ad inviare all’Inps le dichiarazioni reddituali,  possono inviare direttamente la Dichiarazione utilizzando il nuovo servizio online Red semplificato in modo rapido e semplice seguendo il percorso: Home > Servizi Online > Accedi ai servizi>Per tipologia di utente > Cittadino.

 

In alternativa possono trasmettere la dichiarazione tramite Caf o liberi professionisti convenzionati. In tal caso i pensionati devono prima scaricare la Richiesta di Dichiarazione con la stringa da fornire all’intermediario convenzionato accedendo con il proprio Pin al servizio Dichiarazione Reddituale tramite intermediari – Stampa Richiesta  seguendo il percorso: Home > Servizi Online > Accedi ai servizi> Per tipologia di utente > Cittadino.

 

Il pensionato, titolare di prestazione collegata al reddito, ha per legge l’obbligo di dichiarare all’Inps i redditi propri o, qualora previsto dalla normativa, anche del coniuge o dei componenti del nucleo, rilevanti per la prestazione.

 

Considerato questo obbligo, espressamente previsto dalla legge, l’Istituto, a partire dalla campagna ordinaria RED 2015, per l’acquisizione dei redditi relativi all’anno 2014, non invierà più comunicazioni cartacee ai pensionati della gestione privata, residenti in Italia, per richiedere le dichiarazioni reddituali ai fini delle verifiche delle prestazioni collegate al reddito.

 

NON devono presentare all’Inps la dichiarazione reddituale i pensionati, residenti in Italia, beneficiari delle prestazioni collegate al reddito:

 

 

  • che abbiano già dichiarato all’Agenzia delle Entrate (tramite Modello 730 o Unico) integralmente tutti i redditi (propri e, se previsto, dei familiari) che rilevano sulle prestazioni collegate al reddito in godimento;
  • in mancanza di altri redditi oltre a quello da pensione (propri e, se previsto, dei familiari);
  • la cui situazione reddituale (e, se previsto, quella dei loro familiari) è rimasta invariata rispetto a quella dichiarata l’anno precedente.

 

 

Nei casi suddetti l’Istituto acquisirà le informazioni reddituali rilevanti per le prestazioni collegate al reddito direttamente dall’Agenzia delle Entrate o da altre banche dati delle Pubbliche Amministrazioni, come previsto dalla legge.

Fonte: INPS - Istituto Nazionale di Previdenza Sociale
avatar
  Subscribe  
Notificami