fbpx

Licenziamenti ingiustificati nelle PA: nuove regole per l’indennità

lentepubblica.it • 24 Maggio 2017

licenziamento legittimoIn base a quanto stabilito dalla nuova disciplina prevista dal decreto di riforma del pubblico impiego viene modificato, in modo rilevante, il regime sanzionatorio applicabile ai licenziamenti ingiustificati.


 

I cambiamenti nel nuovo testo sono riportate all’Art.21 (Modifiche all’articolo 63 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165).

 

Secondo quanto riporta il nuovo testo, il giudice, con la sentenza con la quale annulla o dichiara nullo il licenziamento, condanna l’amministrazione alla reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro e al pagamento di un’indennità risarcitoria commisurata all’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto corrispondente al periodo dal giorno del licenziamento fino a quello dell’effettiva reintegrazione, e comunque in misura non superiore alle ventiquattro mensilità, dedotto quanto il lavoratore abbia percepito per lo svolgimento di altre attività lavorative.

 

Il datore di lavoro è condannato, altresì, per il medesimo periodo, al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali. Nel caso di annullamento della sanzione disciplinare per difetto di proporzionalità, il giudice può rideterminare la sanzione, in applicazione delle disposizioni normative e contrattuali vigenti, tenendo conto della gravità del comportamento e dello specifico interesse pubblico violato.

 

Inoltre, la cessazione del rapporto di lavoro estingue il procedimento disciplinare salvo che per l’infrazione commessa sia prevista la sanzione del licenziamento o comunque sia stata disposta la sospensione cautelare dal servizio. In tal caso le determinazioni conclusive sono assunte ai fini degli effetti giuridici ed economici non preclusi dalla cessazione del rapporto di lavoro.

 

In allegato il testo unico del Pubblico Impiego.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami