Riforma Pensioni: i pagamenti arriverebbero il 10 di ogni mese

lentepubblica.it • 17 Ottobre 2014

Una norma contenuta nella bozza della legge di stabilità prevede che l’Inps metterà in pagamento le pensioni il 10 di ciascun mese per uniformare e razionalizzare le procedure e i tempi di pagamento delle prestazioni previdenziali.

Potrebbero cambiare le date di accredito dei trattamenti previdenziali. L’articolo 26 della bozza del disegno di legge di stabilità 2015 prevede che, dal prossimo 1° gennaio 2015, al fine di razionalizzare ed uniformare le procedure e i tempi di pagamento delle prestazioni previdenziali corrisposte dall’Inps, assegni e prestazioni previdenziali nonchè l’indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, “sono poste in pagamento il 10 di ciascun mese o il giorno successivo se festivo o non bancabile” con unica soluzione nei confronti dei beneficiari di più trattamenti, se non sono presenti cause ostative.

Attualmente, com’è noto, l’istituto eroga le prestazioni in giorni differenti a seconda delle gestioni in cui viene liquidato il trattamento. Con l’unificazione delle date di pagamento l’Inps punta ad ottenere un risparmio nelle commissioni bancarie.

Un’altra novità riguarda l’obbligo di comunicare il decesso del pensionato all’Inps da parte del medico necroscopo attraverso il sistema telematico già presente per la comunicazione dello stato di malattia.
Il certificato di accertato decesso dovrà essere trasmesso dal medico entro 48 ore dall’evento con lo scopo di ridurre i casi di indebita erogazione.

Con il provvedimento inoltre il governo provvede alla cancellazione delle prestazioni accessorie erogate dall’Inps per le cure termali.

FONTE: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)

pensioni-doro-1-770x577

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami