fbpx

Riforma Pensioni: avviato in Parlamento l’iter delle modifiche

lentepubblica.it • 10 Dicembre 2014

Riproposto l’emendamento per salvare i quota 96 della scuola. Morando smentisce l’ipotesi di ancorare la sospensione delle penalizzazioni all’importo dei trattamenti pensionistici.

Ok alla sospensione della penalizzazione sui trattamenti anticipati sino al 2017 e stop della possibilità di ottenere pensioni piu’ elevate con il sistema contributivo rispetto a quanto accadeva con il sistema retributivo. Il Governo ha confermato ieri, tramite il Viceministro all’Economia Enrico Morando, che non intende modificare le novità approvate nel ddl di stabilità alla Camera la scorsa settimana nel corso dell’esame al Senato del provvedimento.

L’impianto delle modifiche alla Riforma Fornero con il ddl di stabilità resterebbe, dunque per ora, quello già anticipato da pensionioggi.it nei giorni scorsi. Ieri sono state, tuttavia, alcune proposte emendative al ddl dai gruppi politici. Il M5S ha (ri)presentato un emendamento per risolvere la questione dei quota 96 della scuola; il Pd ha presentato un emendamento secondo il quale si limita lo stop alla penalizzazione solo in favore di coloro che maturano assegni inferiori a circa 3500 euro lordi mensili (circa 2400 netti), e sempre per chi percepisce una pensione sopra questa soglia, pari a sette volte il minimo, – si legge nell’emendamento a firma Pd – tornerebbe il divieto di cumulo con altri redditi da lavoro; Sel ha presentato una proposta emendativa in favore dei lavoratori ferrovieri. Fioccano richieste di modifica anche dalla Cgil che, ieri, ha chiesto l’estensione della moratoria sulla penalizzazione anche oltre il 2017. Proposte tuttavia che trovano contrario l’esecutivo, almeno per ora.

Il Governo dovrebbe invece aprire ad una revisione della tassazione sui fondi pensione, sulla tassazione dei rendimenti delle Casse professionali, rivalutazione del Tfr. Da sciogliere, poi, il nodo del personale delle province sul quale resta ancora in piedi l’ipotesi di fare ricorso a prepensionamenti per il personale in esubero.

Altri interventi sul capitolo previdenziale saranno affrontati probabilmente nei primi mesi del 2015. L’ipotesi è quella di intervenire per introdurre un sistema di maggiore flessibilità in uscita rispolverando il ddl sui pensionamenti flessibili proposto da Cesare Damiano. La modifica potrebbe salire sul treno della Riforma della Governance dell’Inps che l’esecutivo dovrà rapidamente approvare nei all’inizio del prossimo anno.

 

 

FONTE: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it)

 

 

versamento

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami