lentepubblica

Le novità nella busta paga dei Dipendenti Pubblici per il 2022

lentepubblica.it • 20 Aprile 2022

busta-paga-dipendenti-pubblici-2022Ecco un riepilogo completo di tutte le novità che sono state e saranno introdotte all’interno della busta paga dei Dipendenti Pubblici per tutto il 2022.


In questo articolo forniamo una panoramica sugli effetti in busta paga dal 1° marzo 2022 per l’applicazione della riforma fiscale, introdotta con la legge di bilancio 2022 e dell’Assegno Unico ed Universale.

Ma non solo: ricapitoliamo anche quali saranno le novità sulle buste paga dei Dipendenti Pubblici a partire da Maggio 2022, a seguito dell’effetto dei cambiamenti apportati sugli stipendi dai vari rinnovi del CCNL del Pubblico Impiego.

Le novità nella busta paga dei Dipendenti Pubblici per il 2022

Scopriamo dunque qui di seguito come sono cambiate e come cambieranno le buste paga quest’anno in due separati momenti:

  • già a partire dallo scorso Marzo 2022, per effetto dell’ultima Legge di Bilancio, ha avuto luogo la riduzione del cuneo fiscale. Si tratta della riduzione del differenziale tra costo del lavoro sostenuto dal datore di lavoro e retribuzione netta corrisposta al lavoratore.
  • inoltre, a partire da Maggio 2022 arriveranno aumenti ed arretrati nelle busta paga degli statali per effetto del rinnovo del CCNL del Pubblico Impiego. Queste somme varranno anche per quei comparti del pubblico impiego che nel frattempo avessero siglato il rinnovo (allo stato attuale sono stati rinnovati in maniera definitiva solo i contratti delle Funzioni Centrali).

Busta paga dei Dipendenti Pubblici da Marzo 2022: revisione degli scaglioni IRPEF

Dal 1° Gennaio 2022 e con effetto nella busta paga dei dipendenti pubblici già da Marzo 2022 sono cambiati gli scaglioni Irpef, le aliquote applicate e il calcolo delle detrazioni da lavoro dipendente.

  • Per i redditi da 15.000 a 28.000 euro l’aliquota fiscale si abbassa dal 27% al 25%;
  • Per i redditi fino a 50.000 euro l’aliquota del 38% si riduce al 35%;
  • Scompare la previgente aliquota del 41%, in quanto oltre i 50.000 euro è prevista un’unica aliquota pari al 43%

Rimodulazione delle detrazioni

Cambia anche il sistema di calcolo delle detrazioni da lavoro dipendente. Viene infatti ampliata la prima soglia di reddito cui si applica la detrazione, che passa da 8.000 a 15.000 euro.

Per la seconda soglia di reddito, che passa da 15.000 a 28.000 euro, la misura della componente fissa della detrazione passa da 978 a 1.910 euro e viene modificata la modalità di calcolo della componente variabile, che è pari a 1.190 euro per un reddito di 15.000 euro e che decresce, all’aumentare del reddito, fino ad annullarsi raggiunti i 28.000 euro.

La terza e ultima soglia di reddito per cui spetta la detrazione si abbassa da 55.000 a 50.000 euro; tuttavia la detrazione massima per tali redditi passa da 978 a 1.910 euro. In particolare, tale detrazione ammonta a 1.910 euro per redditi pari a 28.000 euro e decresce fino ad annullarsi alla soglia dei 50.000 euro.

Infine è stato previsto un aumento di 65 euro della detrazione applicabile, specificamente, alla fascia di reddito tra 25.000 e 35.000 euro.

Rimodulazione del trattamento integrativo ed abolizione dell’ulteriore detrazione

La revisione delle aliquote e del calcolo delle detrazioni da lavoro dipendente, prevedendo un trattamento di maggior favore rispetto alla previgente normativa, ha comportato la necessaria rimodulazione del trattamento integrativo, che continuerà ad essere erogato direttamente dal sostituto di imposta nel cedolino stipendiale per i redditi annui fino a 15.000 euro, mentre per la fascia di reddito fino a 28.000 euro tale beneficio potrà essere riconosciuto, in presenza di determinati presupposti previsti dalla norma, in sede di dichiarazione dei redditi.

Allo stesso modo, la rimodulazione in positivo del calcolo dei parametri fiscali anche per i redditi superiori a 28.000 euro ha compensato l’abolizione dell’ulteriore detrazione precedentemente prevista per i redditi da 28.000 a 40.000 euro, che quindi non è più dovuta dal 1° gennaio 2022.

Agevolazioni contributive

La Legge di bilancio 2022 prevede uno sgravio contributivo per i lavoratori dipendenti con retribuzione imponibile previdenziale fino a 35.000 euro all’anno (2.692 euro lordi al mese) di 0,8 punti percentuali, per il solo anno 2022.

Per l’applicazione di questa norma, a seguito della pubblicazione della circolare INPS n. 43 del 22 marzo 2022 sono state avviate  le attività per l’aggiornamento delle procedure del sistema NoiPA.

Assegno Unico ed Universale

Al fine di riordinare, semplificare e potenziare le misure a sostegno delle famiglie con figli, il decreto legislativo 29 dicembre 2021 n. 230, in attuazione della legge n. 46 del 2021, è stato istituito l’Assegno Unico e Universale, abrogando le norme relative alle detrazioni fiscali per figli a carico fino ai 21 anni di età (art. 12, comma 1, lettera c) e comma 1-bis del TUIR) e quelle che prevedono l’Assegno per Nucleo familiare (l’art. 2 del decreto-legge 13 marzo 1988, n. 69, convertito dalla legge del 13 maggio 1988, n. 153).

A partire dallo stipendio di marzo 2022, gli assegni al nucleo familiare per nuclei con figli saranno sostituiti con l’erogazione da parte dell’Inps dell’Assegno Unico ed Universale, previa domanda da effettuare direttamente all’Istituto di Previdenza, al seguente link: https://www.inps.it/prestazioni-servizi/assegno-unico-e-universale-per-i-figli-a-carico.

Rimane valido il termine di 5 anni per chiedere eventuali arretrati degli assegni al nucleo familiare, per nuclei con figli spettanti fino al 28 febbraio 2022, che potranno essere erogati nel cedolino dello stipendio.

Gli assegni per nuclei familiari senza figli continueranno ad essere erogati nel cedolino da NoiPA.

Sempre a partire dallo stipendio di marzo 2022, le detrazioni fiscali saranno automaticamente riconosciute dal 1° marzo soltanto per i figli con 21 anni compiuti entro il 31 marzo 2022, se già presenti in banca dati NoiPA.

Nuove domande di detrazioni

Gli amministrati con figli (fiscalmente a carico) che compiranno 21 anni dopo il 31 marzo 2022, dovranno presentare una nuova domanda di detrazioni:

  • Dal 4 marzo 2022, sarà possibile utilizzare il self-service di NoiPA “Gestione detrazioni familiari a carico” al seguente link: https://noipa.mef.gov.it/group/mypa/detrazioni-familiari-a-carico. Si ricorda che la domanda di detrazioni sostituisce a partire dal mese di decorrenza scelta, i dati dei familiari a carico presenti nella banca dati di NoiPA. Pertanto, dalla decorrenza prescelta dovranno essere comunicati nuovamente i dati e le percentuali dei familiari a carico.
  • Con modello cartaceo, da inviare al proprio ufficio responsabile del trattamento economico. L’amministrato dovrà comunicare, se ne ha il diritto, anche i dati anagrafici e codice fiscale del coniuge e/o degli altri familiari a carico.

Busta paga dei Dipendenti Pubblici da Maggio 2022: nuovi scatti stipendiali

Adesso passiamo alle novità che arriveranno nella busta paga dei dipendenti pubblici a partire da Maggio 2022.

Sulle modifiche agli scatti, a partire proprio da Maggio, influirà il rinnovo del Contratto per tutti i comparti, già definito ad esempio per le Funzioni Centrali e quasi in dirittura d’arrivo per gli altri comparti.

Infatti si prevedono dei “differenziali stipendiali”. Si tratta di scatti per remunerare il maggior grado di competenza professionale acquisito dai dipendenti.

Allo stato attuale, purtroppo, questo meccanismo è ben definito soltanto per i dipendenti del comparto delle Funzioni Centrali, che hanno già sottoscritto il Rinnovo del Contratto.

Tutte le altre categorie restano in attesa che il rinnovo si concretizzi e risulti sottoscritto definitivamente. Ma nel frattempo le cifre applicate ai dipendenti della PA centrale possono tornare utile come “traccia orientativa”.

Ad esempio per questi dipendenti quanto valgono questi scatti?

  • Per i funzionari 2.250 euro lordi annui;
  • per gli assistenti 1.250 euro lordi annui
  • e per gli operatori 800 euro lordi annui.

Ogni dipendente potrà avere nella sua carriera al massimo 5 scatti (se funzionario o assistente) e 2 scatti se operatore.

I dipendenti da premiare saranno scelti in base a un mix tra valutazione (varrà il 40%), anzianità di servizio (fino al massimo ad un altro 40%) e formazione.

Aumenti stipendiali e arretrati

Ricordiamo che il Dipartimento del Tesoro dopo mesi ha dato ufficialmente l’ok all’intesa per il rinnovo del contratto dei dipendenti delle Funzioni centrali.

Questo significa che a Maggio 2022 arriveranno aumenti ed arretrati nelle busta paga degli statali, anche appartenenti ad altri comparti del pubblico impiego se nel frattempo venisse siglato il rinnovo.

Come appena detto per quanto riguarda gli scatti, questo meccanismo è ben definito soltanto per i dipendenti del comparto delle Funzioni Centrali, che hanno già sottoscritto il Rinnovo del Contratto.

Tutte le altre categorie restano in attesa che il rinnovo si concretizzi e risulti sottoscritto definitivamente. Ma nel frattempo le cifre applicate ai dipendenti della PA centrale possono tornare utile come “traccia orientativa”.

Aumenti

Per quanto riguarda al momento le Funzioni Centrali il nuovo contratto prevede aumenti che variano da 63 euro lordi mensili per gli operatori della prima fascia, fino a 117 euro lordi mensili per i funzionari di grado più elevato.

La media degli aumenti, secondo quanto calcolato dall’Aran, è di 105 euro lordi mensili.

Oltre agli aumenti, nelle buste paga di maggio arriveranno gli arretrati di oltre tre anni.

Arretrati

Per quanto riguarda al momento le Funzioni Centrali il periodo coperto dall’accordo è quello che va dal 2019 al 2021.

Questo significa che nelle buste paga di maggio saranno riconosciuti ai dipendenti di ministeri, agenzie fiscali, Inps e Inail, anche gli arretrati maturati negli ultimi tre anni.

Secondo i conteggi dell’Aran, per i funzionari gli arretrati saranno in media di 2.545 euro lordi, quelli per gli assistenti di seconda area di 1.906 euro lordi, mentre per gli operatori della prima area gli arretrati medi sarebbero di 1.680 euro.

Progressioni senza concorso

Per progredire nella carriera, ossia passare da un’area a quella superiore, per gli attuali dipendenti non sarà più necessario partecipare a un concorso pubblico.

Ci sarà una procedura comparativa basata sulla valutazione positiva conseguita dal dipendente negli ultimi tre anni.

Bisognerà però possedere i requisiti previsti per l’accesso all’area.

Con una eccezione. Fino al 2024 i passaggi potranno essere effettuati anche in deroga al possesso dei titoli. Un assistente con 10 anni di esperienza potrà diventare funzionario anche senza laurea.

 

 

3.8 6 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Roberto
Roberto
21 Aprile 2022 8:13

Comunque sia eè una porcheria, un dirigente o una persona in livello D 4 ora percepisce una cifra approssimativa pari a 2250 euro mensili , un B2 percepisce 1250 euro parlo di netto, perché dare sempre di più a chi percepisce già il doppio rispetto un altro dipendente ? dovrebbero diminuire il compenso a livelli da c5 a D 4/5 e aumentare i livelli da B1 a B5 con possibilità di aumentare di livello in base all’esperienza acquisita negli anni anche andare a livello C

Elen
Elen
Reply to  Roberto
21 Aprile 2022 19:37

Perche i D oltre a possedere una laurea (anni di studio), hanno anche delle responsabilità maggiori all’interno del team.
Credo sia tutto proporzionato.

Luisa
Luisa
Reply to  Elen
22 Aprile 2022 13:35

E chi invece è diplomato da almeno 30 anni è ancora Bene perché le Amministrazioni e lo Stato non hanno permesso un miglioramento, nonostante i compiti svolti di livello superiore? Come la mettiamo? E resteremo ancora al palo?

Antonella
Antonella
Reply to  Elen
22 Aprile 2022 18:01

Responsabilità? Nessuna!!! Non ho mai visto declassare un d in caso di male operato. Nemmeno essere trasferito. Alle apo spetta pure l’organizzazione del personale, ma che non fanno. Anzi se si tratta di riprendere un lavativo non ne avrebbero il coraggio anche se indossassero un pannolone da incontinenti!!!

Damiano
Damiano
Reply to  Elen
26 Aprile 2022 14:19

Io apposto di anni di studio ho anni di lavoro e poi avere delle responsabilità non significa avere la bocca e la pancia più grossa per mangiare di più.

Alfredo
Alfredo
Reply to  Damiano
7 Maggio 2022 0:28

BRAVO

Luisa
Luisa
Reply to  Roberto
23 Aprile 2022 16:20

Anche io la penso come te, hanno pensato ai dirigenti, ma non ai livelli più Bassi, che ingiustizia

Diego Gualazzini
Diego Gualazzini
21 Aprile 2022 13:33

Io che sono Assistente Amministrativo Gestionale F2 B2 potrò diventare funzionario ? Nel 2025 vado in pensione con 42 anni e 10 mesi di servizio. Boh ! Poi sempre aumenti al lordo …al netto mai ?

Luisa
Luisa
Reply to  Diego Gualazzini
23 Aprile 2022 16:19

Poniamo domande ma nessuno risponde su questo blog

Alfredo
Alfredo
Reply to  Luisa
26 Aprile 2022 2:35

Ciao a tutti. VI rispondo io. Dipendente comunale di MERDDA. Sono 40 anni che lavoro in QUESTA MERDDA di comune di Napoli. È sono più di 20 anni che non hanno mai aumentati gli stipendi nemmeno di 100 euro sulla busta paga. Mentre che la VITA è aumentata il triplo. MÀ vi rendete conto che se avrei fatto il barista. Il titolare in 20 anni di lavoro… mi avrebbe aumentato lo stipendio come minimo di 500 euro!!! MÀ di CHÈ parliamo? Gli italiani siamo un POPOLO di MERDDA e di pecore. È i POLITICI si fottono dai 10.000 ai 30.000… Leggi il resto »

Orazio
Orazio
Reply to  Alfredo
27 Aprile 2022 9:39

Ad agosto 2019 sono andato in pensione grazia a quota 100 .
Comune di Catania.
Devo ricevere ancora emolumenti del 2016 /2017/2018

Aggiornamento contratto 2016/2018 e naturalmente 2019/2022.
Tranne qualche comunicato stampa a tutt’oggi silenzio assoluto soprattutto in considerazione che parecchi quando percepiranno questi emolumenti riceveranno un regalo perché hanno fatto straordinari virtuali.
Io ero Don Chisciotte e quando mi sono accorto che nel mio ufficio ero rimasto solo a combattere mi sono dovuto arrendere.
Da agosto 2019 ad oggi non ho più avuto contatti perché schifato.

Fafo
Fafo
Reply to  Alfredo
3 Maggio 2022 18:24

E come mai non hai fatto il barista?

Alfredo
Alfredo
Reply to  Fafo
7 Maggio 2022 0:24

Forse sicuramente era meglio. Il mio lavoro è curare i giardini. È lo faccio col CUORE. Perche ci tengo molto alle piante e al verde. Innaffio e taglio cara. Io lavoro sotto al sole. Non stò nell’ufficio a grattarmi le PALLE. È poi con questa risposta ironica che mi hai dato… mi sembra che vai col governo. Ma perché tù quanto guadagni al mese di stipendio? MÀ ti RENDI conto che con gli STIPENDI attuali..? Nemmeno una bistecca alla settimana ti puoi mangiare. forse tù il pigione di casa. È le bollette. Non le paghi? È con 1400 euro al… Leggi il resto »

Paola Bucci
Paola Bucci
28 Aprile 2022 15:50

Nella busta paga di maggio non c’è ne aumento ne arretrati che la smettano di scrivere cazzate e di prenderci x il culo!!!!!!