Al via il nuovo applicativo Patrimonio della PA. Prima scadenza il 28/02/2022

lentepubblica.it • 24 Novembre 2021

nuovo-applicativo-patrimonio-pa-prima-scadenza-2022Dal 18 novembre 2021 è aperta la rilevazione dei beni immobili pubblici attraverso il nuovo applicativo.


Dopo diversi mesi dalla comparsa nella sezione notizie del Portale Tesoro di un avviso che annunciava lo sviluppo di un nuovo applicativo per il censimento dei beni immobili pubblici (ex art. 2, comma 222, della Legge 23 dicembre 2009, n. 191), finalmente il Dipartimento del Tesoro il 18 novembre 2021 lo ha reso disponibile agli utenti.

Il portale, che raccoglie informazioni su più di due milioni di beni immobili pubblici, è ospitato da una piattaforma più avanzata, che garantisce il dialogo con altre banche dati e prevede una nuova modalità di inserimento dati.

Come era stato preannunciato viene abbandonata logica del censimento annuale (ricordiamo tutti come fosse necessario procedere con il caricamento, durante il periodo di apertura della rilevazione, dei dati dei beni immobili detenuti al 31 dicembre dell’anno di riferimento) in favore di una “rilevazione continua”, basata sulla possibilità per le Amministrazioni di comunicare in maniera continuativa le variazioni rispetto al patrimonio immobiliare già dichiarato e presente a sistema. Una logica orientata al consolidamento e al miglioramento della qualità dei dati che è incentrata sull’univocità delle informazioni del bene immobile e sulla loro condivisione, attraverso un processo di comunicazione tra le varie Amministrazioni.

Il 28 febbraio 2022 è la prima data di scadenza da rispettare per la rilevazione del patrimonio della PA

Per raggiungere questo obiettivo sono state previste due fasi distinte della rilevazione:

  • La prima, attualmente in corso, vede le Amministrazioni chiamate a verificare le informazioni presenti a sistema e ad aggiornare opportunamente i dati relativi ai beni in proprietà e in detenzione al 31/12/2019. Questa fase si concluderà il 28/02/2022.
  • Nella seconda fase le Amministrazioni dovranno effettuare la trasmissione dei dati entro la data di scadenza di cui sarà data opportuna comunicazione.

L’aggiornamento dei dati è necessario anche in ragione della migrazione e delle modifiche alla struttura della banca dati. Possono essere inseriti a sistema i dati relativi ai beni immobili pubblici già aggiornati che saranno soltanto da confermare per le rilevazioni successive.

Per questo le Amministrazioni sono invitate a verificare con sollecitudine il corretto accesso all’applicativo, non attendendo i giorni a ridosso della scadenza per l’aggiornamento dei dati, oltre ad adoperarsi per il consolidamento delle informazioni inserite nella banca dati del Dipartimento del Tesoro.

H2: Cosa accadrà alle Amministrazioni inadempienti?

In caso di inadempienza le Amministrazioni saranno segnalate alla Corte dei conti per il seguito di competenza.

A chiusura della rilevazione, il Dipartimento del Tesoro pubblicherà le informazioni contenute nella propria banca dati, ai sensi dell’art. 9 bis del D.lgs. n. 33/2013.

Problemi tecnici nell’accesso al Portale MEF – Dipartimento del Tesoro?

In caso di problemi di accesso o di carattere tecnico è possibile utilizzare la funzionalità Richiesta Assistenza.

I quesiti di carattere tematico possono essere inviati all’indirizzo supportotematicopatrimonio@mef.gov.it.

In considerazione degli importanti elementi di novità, si raccomanda la consultazione della documentazione di supporto disponibile sulla pagina di benvenuto dell’applicativo Immobili.

Pabli srl si offre di supportare i comuni interessati nell’attività di aggiornamento del nuovo portale per la comunicazione del patrimonio immobiliare. Per maggiori informazioni sul servizio o per richiedere un preventivo compila il form o scrivi a info@pabli.it.

 

5 2 votes
Article Rating
Fonte: Pabli srl
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments